HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-10-19 11:39:16
A+ A- Stampa articolo



Il commento di don Ezechiele Pasotti al Vangelo della Domenica



Nella 29.ma Domenica del Tempo ordinario, in cui si celebra anche la Giornata Missionaria Mondiale, la liturgia ci propone il Vangelo in cui Gesù, affermando la necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai, racconta la parabola in cui una vedova chiede giustizia a un giudice disonesto che cede alla povera donna solo per la sua insistenza. Gesù conclude:

“E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui?”.

Su questo brano evangelico ascoltiamo una breve riflessione di don Ezechiele Pasotti, prefetto agli studi nel Collegio Diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Roma:RealAudioMP3

La Giornata Missionaria fa presente a tutti ciò che siamo: Cristo ha voluto la Chiesa perché fosse, con Lui, la luce del mondo. Nel Vangelo, Gesù propone ai suoi discepoli di essere come Lui è da sempre: nell’intimità del Padre, in preghiera. Questa, prima di essere un insieme di parole, è un’attitudine, uno “stare” con il Signore, uno “stare dentro” la sua volontà. Quando questa attitudine è messa a rischio dal “nemico”, che – davanti alla difficoltà, al dolore, alla storia che non comprendi – ti dice con irrisione: “Il tuo Dio? Dov’è il tuo Dio”? (cf Sal 42), allora la preghiera si fa grido, il grido di questa vedova che cerca giustizia presso un giudice iniquo: “Fammi giustizia contro il mio avversario”. Il testo greco, da una parte, mostra che questo giudice è “un uomo incapace di provare vergogna”, ma, dall’altra, ci mostra una donna – non una rassegnata o una vittima – che sa quello che vuole. Tanto che il giudice accetta di farle giustizia, perché non lo aggredisca (così si potrebbe tradurre quel “non venga continuamente ad importunarmi”) (cf L.T. Johnson, Il Vangelo di Luca, 239). E il Signore ci dice con forza: “E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui?”. E aggiunge: “Io vi dico – un “io divino” che non ammette ritardi o inadempienze – che farà loro giustizia prontamente”. Ma c’è un rischio, il nemico c’è e può rubarci la fede: non possiamo stancarci di gridare a Dio, e non pregare più; il Signore lo sa, e viene oggi a scuoterci con una domanda, che è rivolta a me e a te – ma che è pure un interrogativo su tutta la storia dell’uomo: “Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá