Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-10-22 14:05:10
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Convegno cappellani, don Rigoldi: "Inutili amnistia e indulto se non cambiamo le leggi riempi carceri"




Don Gino Rigoldi, Cappellano dell'Istituto penale per minorenni "Beccaria" di Milano
RealAudioMP3
Occuparsi di amministrazione della giustizia, senza mettere al centro di tutto la pena, e cioè il carcere, è l'obiettivo di tutti i cappellani e di tutte le persone che considerano Gesù Cristo maestro di vita e di ogni scelta. Entrando in un carcere, incontrando le persone, ascoltando i loro desideri, i loro sogni per il futuro, si stabilisce una relazione che, prima di tutto, toglie queste donne e questi uomini dalla solitudine. Ma è anche un modo per dare valore a queste persone e far partire così un cammino di accompagnamento verso il cambiamento, che, con pazienza, e a volte qualche ricaduta, realizza una vera rieducazione. Negli ultimi 40 anni ho visto migliaia di cambiamenti importanti, profondi, e un bel numero di conversioni. E' un gran bel lavoro fare il cappellano, anche se è faticoso. Ma anche fare il parroco è faticoso.

Cammini di rinciliazione fra le vittime dei reati e coloro che li hanno commessi, tramite la cosiddetta 'mediazione penale', sono oggi possibili, ma è molto complicato realizzarli. L'aria che tira, infatti, aria che respirano anche i parenti delle vittime, è quella del 'buttate via la chiave'. Noi cappellani siamo anche applauditi, ma nei confronti dei detenuti c'è sempre sfiducia, il sospetto che ripetano il reato. Anche quando si parla di indulto o aministia prevale il convincimento che sia meglio tenerli chiusi dentro. Diventa complicato, perciò, convincere una persona che è stata offesa che, per il bene della sua anima, oltre che di quella del detenuto, sia opportuno costruire un percorso di dialogo, reciproca conoscenza, per capire cosa c'è dietro un reato. Serve però una bella competenza, non basta il buon cuore, e servono tempo e pazienza. E poi certe volte succede, sì. Ho visto in un'aula di tribunale un signore anziano, la cui moglie era stata uccisa durante uno scippo, dire al ragazzino colpevole: "Mi hai fatto soffrire tanto ma ti perdono. Quando uscirai dal carcere comportati bene, e io ti aiuterò a trovare un lavoro". C'era un'emozione fortissima in quell'aula, ma vuol dire che lo Santo Santo può fare dei miracoli.

Dopo il duro intervento del presidente Napolitano sul sistema carcerario italiano, e il suo invito al Parlamento a decidere misure di clemenza, dobbiamo prendere atto che indulto e amnistia sono inutili se non si cambiano quelle leggi che riempiono ancora le nostre carceri - sempre e solo di poveri - e non s'introducono pene alternative alla detenzione. Qui al Beccaria non ho un ragazzo che non sia di famiglia povera.

“Giustizia: pena o riconciliazione. Liberi per liberare”, questo il tema scelto per il Convegno nazionale dei cappellani delle carceri italiane, riuniti a Sacrofano, nei pressi di Roma, dal 21 al 23 ottobre. (Intervista a cura di Fabio Colagrande)