HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-10-22 19:14:31
A+ A- Stampa articolo



Ustica. La Cassazione: accertato il depistaggio



Deve considerarsi “definitivamente accertato” il “depistaggio” nelle indagini sul disastro aereo di Ustica. Lo afferma la Cassazione che ha deciso vi sia un nuovo processo civile per accertare le responsabilità dei ministeri della Difesa e dei Trasporti nel fallimento della Compagnia aerea Itavia, che avvenne 6 mesi dopo il tragico evento. La Suprema Corte accoglie così le richieste degli eredi dell’Itavia. Per la Cassazione, poi, la tesi del “missile sparato da aereo ignoto” come causa dell’abbattimento del DC9 risulta “ormai consacrata”. Il servizio di Debora Donnini:RealAudioMP3

Era il 27 giugno del 1980. Alle 20.59 il DC9 dell’Itavia in volo da Bologna a Palermo scompare dai radar. L’aereo precipita nel mare Tirreno fra le isole di Ponza e Ustica. Muoiono 81 persone. Oggi la Cassazione accoglie la richiesta degli eredi di Aldo Davanzali, proprietario della compagnia che fallì 6 mesi dopo e dispone che vi sia un nuovo processo. La Corte d’Appello di Roma aveva negato invece il risarcimento, ma per la Cassazione la compagnia aerea Itavia potrebbe essere fallita in conseguenza della "significativa attività di depistaggio" sviluppatasi attorno al disastro aereo di Ustica e bisogna quindi valutare un'eventuale responsabilità dei ministeri della Difesa e dei Trasporti nel fallimento. Per molti mesi dopo quella tragica notte l'ipotesi principale fu quella del "cedimento strutturale". In particolare, sottolinea la Suprema Corte, bisognerà verificare se la "situazione di irrecuperabile dissesto effettivamente preesistesse al disastro aereo o se in quale misura fosse determinata o aggravata” dalla riconosciuta attività di depistaggio e di conseguente discredito commerciale dell'impresa di cui Davanzali era presidente. Per la Suprema Corte, poi, la tesi "del missile sparato da aereo ignoto" quale causa dell'abbattimento del DC9 risulta "oramai consacrata" anche "nella giurisprudenza" della stessa Cassazione. Di “sentenza coraggiosa” parla Luisa Davanzali, figlia di Aldo. Anche per l’Associazione dei parenti delle vittime della strage di Ustica è una “buona notizia”: “ora – dice la presidente Daria Bonfietti – mancano solo i colpevoli”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá