HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-10-23 13:52:25
A+ A- Stampa articolo



Chiesa-Ue. Mons. Giordano: cristianesimo chance per l'Europa



“Oggi l’Europa ha bisogno di pensiero”, di “valori condivisi sui quali costruire l’unità”; “c’è bisogno di aprire il cielo sull’Europa, di spalancare la storia sull’eternità”. Mons. Aldo Giordano, Osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio d’Europa, è intervenuto martedì sera, a margine della sessione plenaria dell’Europarlamento in corso a Strasburgo, su invito del Gruppo di lavoro paneuropeo, con una relazione su “Il cristianesimo, una chance per il futuro dell’Europa”. L’ampia relazione - riferisce l'agenzia Sir - ha preso le mosse da alcune citazioni di carattere filosofico, in particolare di Friedrich Nietzsche (la morte di Dio), per sviluppare poi una riflessione a carattere biblico e teologico sul significato della presenza del cristianesimo nel tempo moderno e nell’Europa di oggi. L’analisi del rappresentante vaticano, sullo stile dell’“oasi di riflessione culturale”, ha dunque ripercorso “la questione di Dio” per l’uomo contemporaneo, affrontando il tema della verità e del relativismo, da cui nasce l’interrogativo sulla possibilità di costruire l’integrazione europea senza una “vera condivisione di valori di fondo”, derivanti dalla storia, dalla cultura, dai diritti fondamentali, dalle religioni, per conferire solidità al percorso politico comunitario. “L’umanità necessita sempre di una luce, e oggi il cristianesimo vorrebbe portare”, con discrezione una luce, “la luce di Dio, nel nostro tempo”, ha affermato mons. Aldo Giordano. Il prelato ha ricordato che in Europa “esiste una popolazione in maggioranza costituita da battezzati”, e ciò domanda quale possa essere lo stile della presenza credente in questo tempo, “con la fede cristiana chiamata a misurarsi con la secolarizzazione e con una società multiculturale e multireligiosa”. Secondo mons. Giordano il cristianesimo, “che crede in un Dio crocifisso, un Dio che ha dato la vita per tutti”, che predica “la solidarietà e la fratellanza fra gli uomini”, trova un punto di incontro con l’Europa sul piano della libertà, “che è la grande conquista europea”, una libertà che mira a costruire, nel rispetto altrui, una comunità solidale e aperta. Tra le questioni poste dal pubblico, non ne poteva mancare una sui “due Papi”, Benedetto XVI e Francesco. “Papa Francesco ci stupisce perché mostra un cristianesimo che si 'impone’ per la sua semplicità, la sua bontà, la sua mitezza… E la figura e la predicazione di Francesco è oggi possibile grazie a Benedetto, che lo ha preceduto, preparandogli il cammino”. Secondo mons. Giordano, infatti, Ratzinger “indica la via del monastero, del pensiero, della riflessione”, dai quali matura il messaggio di Bergoglio, che “riparte dal monastero, per portare il messaggio del vangelo e della carità sulle vie del mondo”. (R.P.)

Ultimo aggiornamento: 24 ottobre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá