HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-10-25 13:46:18
A+ A- Stampa articolo



Conferenza sull'Africa a Pechino: cooperazione tra gli Stati del continente, chiave dello sviluppo



“Africa: 54 Stati, una unione”. È il titolo di una Conferenza che ha riunito a Pechino dirigenti europei, africani, statunitensi e cinesi. A organizzarla è stato Romano Prodi, ex presidente della Commissione europea e primo ministro italiano, ora alla guida della Fondazione per la collaborazione tra i popoli e rappresentante speciale del segretario generale dell’Onu per il Sahel. Il servizio di Vincenzo Giardina, inviato dell'agenzia Misna a Pechino:RealAudioMP3

La cooperazione tra gli Stati africani, è stato sottolineato a Pechino, è un elemento chiave per lo sviluppo del continente. Una regione del mondo dove negli ultimi dieci anni il numero dei conflitti armati si è ridotto e dove il Prodotto interno lordo è aumentato in media del 4,8%, molto più dell’Europa o degli Stati Uniti. Una regione, però, dove la frammentazione politica ed economica, il deficit di infrastrutture e l’inadeguatezza delle reti dell’energia continuano ad ostacolare la lotta contro la povertà. Secondo studi presentati alla Conferenza, la scarsa qualità delle strade, dei porti e delle ferrovie aumenta fino al 40% il costo dei prodotti africani. Le strozzature della rete elettrica, i problemi di approvvigionamento idrico, il ritardo nelle telecomunicazioni mangerebbero invece ogni anno il 2% del Pil e ridurrebbero la produttività delle imprese fino al 40%. Il futuro, ha sottolineato Prodi, si conquista solo attraverso la cooperazione: tra i 54 Paesi africani, certo, ma anche con il contributo dell'Europa, degli Stati Uniti, della Cina e delle altre potenze emergenti.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá