HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-10-25 16:19:11
A+ A- Stampa articolo



Il commento di don Ezechiele Pasotti al Vangelo della Domenica



Nella 30.ma Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci propone il Vangelo in cui Gesù racconta la parabola del fariseo e del pubblicano che si recano al tempio per pregare. Il fariseo vanta le sue opere buone davanti a Dio disprezzando il pubblicano che, invece, chiede perdono a Dio per i suoi peccati. Gesù afferma:

“Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato”.

Su questo brano evangelico ascoltiamo una breve riflessione di don Ezechiele Pasotti, prefetto agli studi nel Collegio Diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Roma:RealAudioMP3

Il Vangelo oggi ci racconta una parabola, propria di Luca, in cui si opera un capovolgimento divino. Ma per coglierlo dobbiamo situare bene il contesto. Il fariseo non è una persona doppia o falsa: al contrario, è un uomo fedele e pio, che compie quanto prescritto dalla Legge ed anche qualcosa di più. È un uomo sinceramente religioso. Il pubblicano invece, per quanto ci possa essere simpatico, è di fatto un collaborazionista dei romani, un taglieggiatore del suo popolo che si incarica di riscuotere le tasse per i nemici, e perciò è odiato e disprezzato. Ambedue vanno al tempio: il fariseo, il religioso, si sente a casa sua, si pone là, davanti a tutti e in piedi – era la postura normale della preghiera, e come ragionando tra di sé – in questo è davvero una preghiera strana – fa un’esaltazione di se stesso, di tutto ciò che fa come uomo pio: lui non è come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adulteri, e tanto meno come quel pubblicano, laggiù in fondo: probabilmente l’ha notato entrando nel tempio e ne è rimasto come infastidito, perché quella gente non dovrebbe nemmeno presentarsi davanti a Dio, dovrebbe vergognarsi! Un giudizio, quando non disprezzo, così comune anche tra di noi! Il pubblicano, invece, resta laggiù, a distanza, non osa neppure alzare gli occhi, si batte il petto e chiede pietà: è un peccatore e lo sa bene. Ed ecco il capovolgimento – lo stesso che il Signore vorrebbe operare in noi oggi, perché risuoni anche per noi quel divino ”Io vi dico” –: “Questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá