HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-10-26 15:38:47
A+ A- Stampa articolo



Mons. Aldo Giordano nominato nunzio in Venezuela



Il Papa ha nominato nunzio apostolico in Venezuela mons. Aldo Giordano, finora inviato speciale con funzioni di Osservatore permanente presso il Consiglio d'Europa a Strasburgo, elevandolo in pari tempo alla sede titolare di Tamada, con dignità di arcivescovo. Mons. Giordano è nato il 20 agosto 1954 a Cuneo (Italia). Ordinato sacerdote il 28 luglio 1979 nella Diocesi di Cuneo, ha frequentato l'ultimo anno delle scuole elementari e le scuole medie e superiori (liceo classico) nel Seminario di Cuneo (1965 1973). Ha compiuto gli studi di filosofia e teologia presso lo Studio teologico interdiocesano di Fossano (CN), affiliato alla Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale di Milano, conseguendo il Baccellierato nel 1978.

Dal 1978 al 1982 è a Roma per la specializzazione in Filosofia alla Pontificia Università Gregoriana, ottenendo la Licenza nel 1980. Per la ricerca di dottorato si dedica al pensiero di F. Nietzsche. Durante il periodo degli studi a Roma vive e collabora come vice parroco nella Parrocchia del SS. Sacramento sulla Prenestina. Dal 1982 al 1996 è professore di filosofia presso lo Studio teologico interdiocesano e la Scuola Superiore di Scienze religiose di Fossano (CN). A livello diocesano insegna per alcuni anni storia della filosofia nel liceo classico del seminario, tiene corsi di etica alla scuola di teologia per laici, collabora come vice parroco nella parrocchia di San Pio X in Cuneo e segue la pastorale diocesana per gli ambiti della politica, economia, medicina e cultura. Le ricerche e le pubblicazioni sono dedicate in particolare alla filosofia contemporanea, all'etica e al tema Cristianesimo ed Europa.

Il 15 maggio 1995 è eletto segretario generale del Consiglio delle Conferenze episcopali d'Europa (CCEE) e si trasferisce nella sede del segretariato a St. Gallen (Svizzera). Svolge questo incarico a servizio della comunione e collaborazione dei vescovi europei per 13 anni (primo mandato di tre anni rieletto il 4 ottobre 1998 e il 3 ottobre 2003 per altri due mandati di cinque anni). Viene nominato cappellano di Sua Santità nel 2002 e prelato di Sua Santità nel 2006.

Il 7 giugno 2008 è nominato osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio d'Europa di Strasburgo. Nel settembre 2013 pubblica il libro: "Un'altra Europa e possibile, Ideali cristiani e prospettive per il vecchio Continente", in cui raccoglie le esperienze e le riflessioni dei quasi 20 anni di servizio alla Chiesa in Europa. Oltre all’italiano, parla francese, inglese, tedesco e spagnolo.

Proprio in questi giorni è stato pubblicato “Un'altra Europa è possibile”, il libro (Edizioni San Paolo ) di mons. Giordano Si tratta di un libro-intervista in cui, rispondendo alle domande di Alberto Campoleoni, mons. Giordano riflette sulle maggiori sfide per il Vecchio Continente e racconta la sua esperienza per diversi anni come segretario generale del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee (1995-2008) e poi dal 2008 come osservatore permanente a Strasburgo. Fausta Speranza ha chiesto a mons. Aldo Giordano innanzitutto quale Europa sia possibile: RealAudioMP3

R. - A me sembra che la questione sia quella della libertà. L’Europa ha maturato nei secoli e negli ultimi decenni un grande amore per la libertà: però oggi noi vediamo che la libertà che si afferma sui nostri sentieri è una libertà fortemente individualistica, che è centrata su un “io” che si ingigantisce sempre di più. Credo che allora dobbiamo riprendere e approfondire il concetto di libertà, fino a scoprire che, in realtà, la libertà è il luogo del rapporto con l’altro, il luogo del rapporto anche con il tutt’altro e quindi anche il rapporto con la nostra origine e con Dio. Quindi, dobbiamo superare un’Europa che si richiude su se stessa a livello culturale, dove l’“io” vuole decidere tutto, anche decidere il proprio sesso, decidere come fare i figli, decidere su tutti i valori. Per riscoprire, invece, che la libertà è un luogo che è costituito dal rapporto con un Padre, dal rapporto con l’altro e dal rapporto con dei valori che esistono in se stessi. Non tocca a noi decidere il valore della vita, ma dobbiamo scoprire il mistero della vita; non tocca a noi inventarci la bontà o inventarci la verità, dobbiamo scoprire che esiste una verità, che esiste una bontà e che esiste una bellezza.

D. - Mons. Giordano, negli ultimi anni si è parlato moltissimo di crisi economica: è stato doveroso farlo anche perché a pagarne il prezzo sono stati i cittadini… Ma come avere uno sguardo non ristretto anche sui temi economici?

R. - Credo che gli elementi nuovi per l’aspetto economico siano l’elemento della giustizia, l’elemento etico, l’elemento della solidarietà e l’elemento della gratuità. L’Europa ha avuto un grande ruolo a livello economico, oggi però sembra che siamo deboli anche su questo e allora credo che solo un’economia che riscopra la solidarietà e che abbia il coraggio della solidarietà, potrebbe essere un’Europa in grado di tornare a dire qualcosa veramente all’umanità.

D. – Papa Francesco è arrivato a scuotere le coscienze in quella che ci ha insegnato a definire la “globalizzazione dell’indifferenza”. Lei, che da anni vive nel cuore dell’Europa, cosa può dirci di come si vive nel cuore delle istituzioni la scossa che Papa Francesco sta dando al mondo? Una scossa cominciata con l’annuncio del nome scelto: Francesco …

R. - Vedo nella mia esperienza, anche presso le istituzioni europee, un grande interesse e una grande simpatia per la figura e per la proposta che viene da Papa Francesco. Davanti a un’Europa e davanti a un mondo che sembra non trovare dei sentieri di novità, la figura del Papa oggi appare sempre di più una figura di riferimento e anche un segno di speranza, perché è la speranza che spesso manca sulle nostre strade. Trasmette l’intuizione che l’umanità può percorre degli altri percorsi: non siamo obbligati a camminare sempre su certe strade; non si è obbligati a risolvere il problema tra i popoli con la violenza; non siamo obbligati ad impostare dei rapporti tra i popoli basati sul commercio delle armi; non siamo obbligati a lasciar morire di fame intere popolazioni. Si intuisce nel suo messaggio che se l’uomo torna alla sua radice più profonda e anche la Chiesa ritorna a riscoprire veramente la sua vocazione più bella e più profonda, questa è una novità. Qualche giorno fa c’è stato al Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa un dibattito sulle migrazioni e il Papa è stato citato per le sue parole sul primato della persona. E’ stato ricordato il suo viaggio a Lampedusa, dove il Papa ha affermato che la persona ha la priorità e che quindi tutto il resto deve ruotare intorno a questa priorità. Ecco, questo mi sembra che crei novità politica e crei novità anche per le economie.

D. - C’è una parabola da raccontare in relazione a questi 20 anni che lei ha trascorso prima al Consiglio delle Conferenze episcopali europee e poi come osservatore permanente a Strasburgo?

R. - Io ho visto un’Europa che si confrontava con la caduta del muro, un’Europa che è caduta nel baratro della guerra dei Balcani e poi un’Europa che è stata sfidata sempre di più dalla globalizzazione, con i nuovi temi globali, come la crisi energetica, come la crisi delle finanze, come la questione drammatica del terrorismo. Ecco, in questa storia dell’Europa che ho visto delinearsi, il problema che è sempre stato più chiaro è la ricerca di una luce. E questo cammino di ricerca - mi sembra - ci riapra il cielo azzurro sull’Europa: abbiamo avuto l’impressione che si tentasse di chiudere il cielo sull’Europa e adesso ci sono, invece, degli europei che vogliono riaprire il cielo e quindi riaprire una speranza, riaprire una trascendenza e soprattutto riaprire la questione di Dio. Oggi mi sembra che ci sia di positivo che riprendiamo un cammino in questo senso. Questa mi sembra un po’ la parabola che ho visto in questi anni.

D. - In questi anni si è parlato molto di un’Europa multiculturale, un’Europa che cambiava il volto, un’Europa che è nata cristiana, che ha le sue radici giudeo-cristiane anche se poi non sono state espresse nero su bianco, ma che ha assunto con le migrazioni volti molteplici diremmo così. Che dire di questo multiculturalismo?

R. - Mi sembra che la prima cosa sia ancora notare che se pensiamo alla grande Europa, all’Europa continentale, siamo 800 milioni di europei e tra questi 800 milioni, la più grande parte è battezzata: circa 600 milioni sono battezzati cristiani. Quindi mi sembra che Papa Francesco innanzitutto voglia risvegliare quel Battesimo che appartiene ancora alla gran parte degli europei. Io constato che in Europa si sa troppo poco del cristianesimo o si conoscono molte – direi – “maschere” del cristianesimo. Mi sembra che Papa Francesco voglia ridare all’Europa e al mondo il volto autentico del cristianesimo. Se i cristiani oggi in Europa riscoprono ciò che sono, saranno poi testimoni e evangelizzatori, saranno in grado di dialogare: sarà questo popolo che riscopre il suo essere, che poi sarà capace di fare una certa politica, sarà capace di difendere certi valori. Io ci credo senz’altro, perché credo nel Vangelo e nella sua forza.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá