HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-10-29 11:46:06
A+ A- Stampa articolo



Siria: i Gesuiti della regione condannano i mercanti di armi



Per comprendere e fermare il conflitto in atto in Siria “occorre riconoscere e chiamare per nome i reali interessi in gioco, a livello locale, regionale e internazionale, che non corrispondono agli interessi del popolo siriano”. Questa è la pista suggerita come chiave interpretativa della crisi siriana dai Superiori Provinciali dei Gesuiti del Medio Oriente e dell'Europa, riunitisi a Roma venerdì scorso per un confronto sulle convulsioni che agitano la regione mediorientale. Nel comunicato finale, pervenuto all'agenzia Fides, i provinciali Gesuiti si soffermano in particolare sul traffico di armi come fattore di scatenamento e alimentazione delle guerre e delle azioni terroristiche sofferte dai popoli mediorientali: “Noi” scrivono i religiosi in riferimento alla situazione siriana “facciamo appello che cessi il rifornimento e la vendita di armi a tutte le parti in conflitto”. Il messaggio finale dell'incontro si sofferma anche sulla condizione delle comunità cristiane autoctone, presenti in Siria fin dai primi tempi del cristianesimo. Secondo i Gesuiti non sono tollerabili “le soluzioni che prevedono l'esilio di queste comunità”. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá