HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-10-28 15:15:05
A+ A- Stampa articolo



Slot Mob: mobilitazione per il buon gioco che premia i baristi no-slot



"Un bar senza slot ha più spazio per le persone". Con questo slogan sta raccogliendo adesioni in varie città italiane "Slot Mob", la mobilitazione di cittadini per il buon gioco, contro le povertà e la dipendenza dall’azzardo. L’iniziativa premia gli esercizi commerciali che hanno rinunciato all'uso delle “macchinette” e prevede in questi locali dibattiti, momenti di festa e tornei di calcio balilla. “Una realtà di cittadinanza attiva responsabile che non aspetta i tempi della politica”, spiega al microfono di Paolo Ondarza uno dei promotori, Carlo Cefaloni:RealAudioMP3

R. – Purtroppo, ultimamente abbiamo avuto una forte incentivazione da parte delle leggi dello Stato, votate in maniera trasversale, nei confronti della diffusione del gioco d’azzardo legalizzato, e quindi bisogna ricreare una cultura che vada a premiare i gesti che vanno in controtendenza; come – appunto – l’attività che può svolgere un barista, un esercente commerciale che nonostante tutti gli incentivi che arrivano per l’immissione nel proprio locale di una slot machine, compie un gesto di responsabilità. Magari, il più delle volte vive questo gesto anche in maniera solitaria, come una questione di coscienza personale. Chiaramente, se non è sostenuto dai consumatori, dai clienti che magari per 10 centesimi vanno in un bar dove si svolge un altro tipo di attività, tutto viene meno. C’è bisogno, quindi, di una responsabilità collettiva.

D. – L’atto di coraggio del barista che rinuncia alla slot, da singolo si sta trasformando in un fenomeno più diffuso; e voi state girando varie città italiane proprio per andare in questi locali virtuosi ….

R. – Certo! E’ successo a Biella, dove è nata spontaneamente una rete sociale: c’è stato un evento che è durato una giornata intera ed ha coinvolto circa 800 persone, con testimonianze di giocatori d’azzardo che sono entrati in questa patologia e ne sono usciti. C’è stato non solo un convegno, ma la possibilità di avere momenti di festa …

D. – Voi infatti proponete di curare il cattivo gioco con il buon gioco: in che senso?

R. – Nel momento in cui si organizza questa festa, si mettono insieme le esperienze storiche come i giochi di strada: il biliardino, ad esempio, è un gioco relazionale, è un gioco che aiuta. Ma questo l’abbiamo visto in tanti luoghi, in tanti bar dove le persone, i baristi stessi dicono: “Non ne possiamo più”, e quindi hanno tolto spontaneamente le "macchinette mangiasoldi" e altri giochi d’azzardo e volentieri hanno introdotto quello che è un luogo classico di convivialità, di rapporto positivo. Gli introiti chiaramente non sono gli stessi, però in questo modo questi baristi indicano un modo diverso di stare che magari costa ma vale la pena favorire.

D. – Qual è la reazione delle persone che partecipano ad uno "Slot Mob"?

R. – Si tratta di rompere un meccanismo profondamente iniquo; il più delle volte viene accettato. Accade, per esempio, come è accaduto a Cagliari: lì è stato un evento bello, costruito sempre con questa rete di tante associazioni che in maniera spontanea si mettono insieme, si è fatto un gesto pubblico: un bar, di fronte a quello premiato, ha pensato di chiudere per partecipare. Il proprietario non ha voluto rappresentare un’alternativa ad una proposta che ha ritenuto giusta come essere umano e come esercente di un’attività commerciale. Il fatto che a novembre ci sarà una tre-giorni a Palermo, è emblematico, perché lì andiamo a parlare di un rapporto forte che si è costituito con i circoli di “Addio pizzo”, con tutte le reti contro la mafia …

D. – Avete incontrato difficoltà oggettive nell’andare avanti con questa vostra iniziativa?

R. – Quando abbiamo lanciato l’iniziativa abbiamo avuto un paio di giorni di difficoltà sui siti …

D. - … a livello di attacchi di hacker?

R. – Di hacker, sì. Il sito è stato oscurato per due giorni, ma non abbiamo dato troppa importanza alla cosa.

D. – La mobilitazione sta partendo dal basso, la palla dev’essere raccolta dai politici di buona volontà …

R. – Sì. C’è un inter-gruppo a livello di Parlamento che sta lavorando su questo fronte; dev’essere molto più incisivo, però. Devono essere i parlamentari che prendono atto di questo fenomeno per essere poi capaci di vederlo e di gestirlo con urgenza.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá