HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-11-02 14:13:13
A+ A- Stampa articolo



Elezioni in Kosovo, incertezza sulla partecipazione della comunità serba



In Kosovo, domani elezioni municipali, appuntamento importante per le relazioni tra la maggioranza albanese e la minoranza serba. Per la prima volta il voto si terrà anche nel nord, abitato prevalentemente dalla comunità serba, con l’elezione di municipalità autonome. Dal segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon e anche da Belgrado sono arrivati appelli ad andare alle urne, ma c’è incertezza sull’affluenza. Da Pristina, Giuseppe Nigro: RealAudioMP3

Si vota dunque questa domenica in Kosovo per le elezioni municipali. Nell’intervista di Davide Maggiore ascoltiamo il commento di Fulvio Scaglione, vicedirettore di Famiglia Cristiana:RealAudioMP3

R. – Bisognerà vedere quanto conterà il richiamo del rancore, degli odii sedimentati in tanti anni di guerre e di contrasti o quanto conterà invece il richiamo della ragione che è quello che dovrebbe, negli auspici di molti, prevalere dopo gli accordi di aprile che hanno avviato un minimo di distensione tra la Serbia e il Kosovo. Secondo molti osservatori e analisti, se almeno il 15 per cento dei serbi che vivono in Kosovo andrà a votare, sarà un buon risultato, una conferma della bontà della linea scelta da Belgrado che con la distensione con il Kosovo vuole guadagnarsi il passaporto per l’ingresso nell’Unione Europea.

D. – Nelle ultime settimane, da Belgrado sono arrivati inviti ai serbi del Kosovo ad andare a votare, proprio nell’ottica di un avvicinamento di Belgrado all’Unione Europea …

R. – Indubbiamente, Belgrado ha bisogno dell’Unione Europea, ha bisogno di dare uno sbocco alla propria economia pericolante, ha bisogno di dare uno sbocco ai propri giovani, di costruirsi orizzonti più ampi in tutti i sensi: dal punto di vista politico, dal punto di vista economico, dal punto di vista sociale. Questo orizzonte per Belgrado non può essere che l’Europa: la Russia, che è stato il ‘mito’ per molti anni, è troppo lontana, e poi ha altri problemi, e poco può fare per la Serbia, mentre l’Unione Europea può fare tanto. L’Europa chiede a Belgrado di pacificarsi e di dimenticare il passato per quanto possa essere doloroso, agli occhi dei serbi, e quindi arrivare ad un accordo con il Kosovo. Da questo dilemma, Belgrado non può uscire se non mostrando di avere sufficiente influenza sui serbi che vivono in Kosovo. Ma anche il Kosovo ha interesse ad arrivare ad una composizione con il suo vicino, soprattutto con quella parte di popolazione che vive all’interno dei suoi confini. Insomma, ci sono tantissime ragioni che fanno sì che la pressione verso un voto dei serbi in Kosovo sia molto forte.

D. – Alla luce di quanto accaduto sul piano diplomatico alla vigilia di queste elezioni, e soprattutto dell’accordo di aprile, che abbiamo già citato, quanto è probabile che si arrivi effettivamente a questa distensione tra Belgrado e Pristina?

R. – Più crescono generazioni che non hanno vissuto direttamente la stagione dei massacri nei Balcani, e più ci sono possibilità che il dibattito si incanali, appunto, all’interno di procedure democratiche come il voto, come la partecipazione ai consigli municipali … Bisogna vedere se questo tempo è già arrivato.

D. – Anche all’indomani di queste elezioni, quale potrà essere il ruolo della comunità internazionale nel favorire il processo di riavvicinamento, che tutti si augurano?

R. – Io credo che, più che di comunità internazionale, qui si debba parlare proprio di Unione Europea. La comunità internazionale nel senso più ampio del termine, infatti, si è schierata con il Kosovo. Ci sono sia questioni ideali, sia questioni di influenza geopolitica, eccetera. Io credo invece che l’Unione Europea sia più specificamente in grado e nella posizione di fare cose per una pacificazione definitiva dei Balcani: è tutto una specie di gioco di ricadute successive, non facili ma che piano piano hanno prodotto qualche risultato.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá