HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-11-06 11:43:57
A+ A- Stampa articolo



Cina: esplosioni a Taiyuan davanti alla sede del Partito comunista. Un morto e 8 feriti



Una serie di esplosioni davanti alla sede del Partito comunista cinese a Taiyuan (Shanxi) ha ucciso una persona e ferito altre 8. La polizia ha trovato sfere di metallo, fili elettrici e piccole carcasse di circuiti e pensa che le bombe - almeno 7 secondo testimoni - siano ordigni artigianali, piazzati nelle aiuole davanti alla sede del Partito. Nello scoppio - riferisce l'agenzia AsiaNews - almeno 20 auto a 100 metri di distanza, sono state danneggiate. Le forze dell'ordine stanno indagando e non fanno ipotesi per ora. L'attentato avviene a circa una settimana da quello avvenuto in piazza Tiananmen a Pechino, che il governo attribuisce a un gruppo "terrorista" di uiguri islamici. Ad accrescere la tensione, vi è pure l'appuntamento del Terzo Plenum del Partito comunista, dal 9 al 12 novembre, in cui si prevede che la leadership varerà diverse riforme economiche che potrebbero danneggiare i monopoli delle aziende di Stato. In passato vi sono stati attentati compiuti da persone singole contro edifici del potere, per criticare ingiustizie subite. Fra le ipotesi si fa strada anche un regolamento interno al Partito comunista dello Shanxi: la scorsa settimana sono arrivati a Taiyuan membri del Partito per aprire un'inchiesta su possibili casi di corruzione nelle finanze della provincia dello Shanxi. Le accuse di corruzione sono così tante che la Commissione centrale di ispezione per la disciplina del Partito ha domandato alla gente di non bloccare il lavoro degli ispettori con le loro petizioni. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá