HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-11-06 09:28:53
A+ A- Stampa articolo



Myanmar: tra governo e milizie etniche nessuna tregua ma solo colloqui costruttivi



Nonostante l’incontro di due giorni tra negoziatori governativi e delle milizie etniche per raggiungere un accordo di cessate-il-fuoco generale non abbia portato a un risultato definitivo, le Nazioni Unite hanno espresso il loro parere favorevole al dialogo in corso tra le parti, definito “mossa significativa” per arrivare alla fine di decenni di guerra civile nell’ex Birmania. Indubbiamente, l’incontro delle parti che si è concluso ieri nella capitale dello Stato Kachin, Myitkyina, ha rappresentato un punto di svolta, sia perché ha riunito 18 gruppi etnici (che si erano a loro volta consultati la scorsa settimana per arrivare con una posizione il più possibile condivisa sulla proposta in 15 punti del governo), sia per il clima costruttivo delle trattative. Il risultato pratico - riferisce l'agenzia Misna - ovvero un accordo di massima per l’armistizio e l’avvio di un dialogo politico con le minoranze è stato salutato ieri sera, al termine dei colloqui, dall’inviato speciale per il Myanmar del Segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, come “una mossa significativa verso un processo di riconciliazione nazionale”. Le due parti hanno accettato di incontrarsi nuovamente a dicembre, questa volta nella capitale dello Stato Karen, Pa-an, ma negoziatori governativi hanno ammesso che il cessate-il-fuoco cercato entro questi mese dal governo, non ci sarà. Un elemento di disaccordo, oltre alla non univocità delle posizioni tra i gruppi etnici, è il rifiuto delle milizie etniche di accettare lo scioglimento, mentre chiedono un esercito federale nazionale con la partecipazione di tutti i gruppi minoritari. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá