HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-11-06 08:46:34
A+ A- Stampa articolo



Vescovi africani: "no" a miseria, sfruttamento dei poveri e risorse naturali



I vescovi africani dicono “no alla miseria” in un messaggio a conclusione della riunione a Bujumbura, in Burundi, del coordinamento Giustizia e pace del Secam (Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar, che ha sede ad Accra, in Ghana). Nel testo inviato all'agenzia Sir e firmato da mons. Gabriel Justice Yaw Anokye, arcivescovo di Koumassi (Ghana) e vicepresidente del Secam, elencano chiaramente ciò che produce miseria in Africa e Madagascar. Esprimono un “netto rifiuto dello sfruttamento dei più poveri e dei più deboli, la riduzione in schiavitù, il traffico dei nostri bambini e dei loro organi”; denunciano “l’insicurezza crescente in alcuni Paesi e regioni del continente”, ricordando “le violenze e le vessazioni criminali in Centrafrica, i conflitti ricorrenti nella Repubblica Democratica del Congo, il fanatismo e l’estremismo religioso in Nigeria, Mali, Egitto, Somalia, Kenya e Tanzania”. I vescovi dicono “no” allo “sfruttamento ingiusto delle nostre risorse naturali, con l’industria mineraria che provoca conflitti violenti e criminali”. Il loro auspicio è che “gli Stati africani abbiano il coraggio di scrivere e votare delle leggi che proteggano le rispettive risorse naturali”. E chiedono ai Paesi di percorrere la strada del “buon governo, che esclude tutte le forme di corruzione e cattiva gestione”. I vescovi africani esprimono poi preoccupazione per la gestione delle acque del fiume Nilo, da cui dipende “il benessere minimo delle popolazioni e dei Paesi sulle sue rive”. A questo proposito invitano ad “un dialogo paziente e fruttuoso”. Si impegnano, inoltre, per “una cultura democratica rispettosa della libertà d’opinione”, chiedendo “una democrazia che tenga conto dei diritti dell’immigrato e affronti senza ipocrisia la questione dei rifugiati nel rispetto della loro dignità umana fondamentale”. Tra le richieste: “il rispetto della Costituzione di ogni Paese, offrendo ai cittadini la possibilità di una alternanza politica”. Per ciò che riguarda i crimini contro l’umanità, si dicono favorevoli “al diritto legale e penale”. I vescovi africani, come hanno fatto alcune settimane fa in un messaggio specifico sulla tragedia del 3 ottobre a Lampedusa, esprimono poi un pensiero speciale per le vittime del naufragio e le loro famiglie. Si impegnano, infine, a rafforzare le loro strutture Giustizia e pace “per un dialogo efficace con i popoli africani, le organizzazioni della società civile, i diversi gruppi religiosi e i governi”. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá