HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-11-09 14:17:26
A+ A- Stampa articolo



Mozambico: appello di pace dei vescovi dopo la ripresa armata degli ex ribelli della Renamo



“L’immediata cessazione delle ostilità e la riapertura del dialogo”. E’ l’accorato appello lanciato dai vescovi del Mozambico, preoccupati dal riaccendersi delle ostilità nel Paese dopo il ritorno alle armi degli ex ribelli della Renamo, che a ottobre hanno denunciato gli Accordi di Pace del 1992. Anche se finora le azioni militari sono rimaste confinate nella provincia centrale di Sofala, cresce nel Paese e in quelli vicini il timore di una estensione del conflitto. In un comunicato diffuso da Matola, dove sono riuniti per la loro Assemblea plenaria, i vescovi esprimono la loro solidarietà con il popolo mozambicano che, affermano “chiede la pace e il rispetto della vita”. “Gli eventi delle ultime settimane mostrano che si è scelto di risolvere le divergenze con la forza delle armi”, ma, sottolinea con forza il comunicato, “nessuno può sentirsi legittimato dal popolo a difendere con le armi gli interessi di gruppi o persone”. Di qui l’appello a tutti i cittadini a non farsi trascinare dal clima di crescente violenza nel Paese: “Cerchiamo di essere tutti operatori di pace che lavorano per istituzioni rispettabili e rispettate”. I presuli si rivolgono poi, ai leader del partito al potere e degli ex ribelli della Renamo, al Presidente della Repubblica e al Comandante delle Forze Armate perché facciano il possibile per fermare gli scontri e per “creare le condizioni per un dialogo coraggioso e concludente”. Un appello, infine, alla comunità internazionale, segnatamente ai rappresentanti diplomatici e alle aziende straniere presenti nel Paese, perché contribuiscano alla pacificazione, senza la quale – affermano - non può esserci sviluppo. Da parte loro, i vescovi si dicono pronti a fare la loro parte per trovare una soluzione al conflitto. La fragile stabilità politica raggiunta con gli accordi di pace siglati a Roma nel 1992, dopo 16 anni di guerra civile, ha permesso in questi due decenni un modesto miglioramento degli standard socio-economici del Mozambico, grazie agli investimenti stranieri nel settore minerario e petrolifero. Tuttavia, di tali progressi ha beneficiato solo una piccola parte della popolazione. Sui 187 Paesi nella classifica dell’Indice di sviluppo umano, nel 2011 il Mozambico risultava ancora al terz’ultimo posto. (A cura di Lisa Zengarini)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá