HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-11-10 14:19:02
A+ A- Stampa articolo



Giornata del Ringraziamento. La Cei: i giovani in agricoltura non si rassegnino



E’ dedicato ai giovani in agricoltura il messaggio per la Giornata del Ringraziamento, indetta dalla Cei celebrata ieri. Riprendendo le parole del Papa, il documento invita i giovani a non rassegnarsi “trasformando la necessità in scelta” e si appella agli imprenditori agricoli affinché valorizzino la passione lavorativa di chi arriva in Italia “creando le condizioni per un’integrazione graduale”. Alessandro Guarasci ha sentito Stefano Masini responsabile ambiente e consumi di Coldiretti:RealAudioMP3

R. - Decisamente i giovani si affacciano al comando, alla dirigenza delle imprese agricole e trasformano le modalità di organizzazione, le direzioni di mercato delle produzioni. Sempre di più con creatività, fantasia e anche possibilità di successo e profitto, i giovani testimoniano il cambiamento profondo che l’agricoltura in questi anni ha conosciuto, guardando più da vicino al mercato, agli interessi dei cittadini consumatori e, in un ambito di multifunzionalità, mettendo a disposizione beni e servizi di grande qualità, legati al territorio e capaci di trasformare la campagna in luogo di turismo, accoglienza, benessere e salute.

D. - Ma questa che cos’è semplicemente una risposta alla crisi oppure una voglia anche di tornare alle origini?

R. - Quest’anno le Facoltà di Agraria sono state prese d’assalto: risultano gli studi più selezionati dagli studenti, pensando al loro futuro. C’è un passaggio generazionale in corso. Lavorare in campagna non è più come in passato una scelta di secondo livello, ma è proprio una decisione che guarda con ottimismo ad un futuro legato anche alla qualità della vita, a modelli di soddisfazione economica e sociale.

D. - Nel messaggio si mette anche in luce l’importanza del credito: vanno fatti passi in avanti su questo fronte, anche per quanto riguarda il settore agricolo?

R. - Per i giovani occorre attivare dei flussi che privilegino questo investimento con larghezza di provviste. D’altra parte il prezzo dei terreni agricoli è insidiato da rendite di usi alternativi: ricordiamo che la campagna è spesso aggredita da intenti speculativi e questo innalza il prezzo dei terreni, mentre bisognerebbe privilegiare con misure fiscali di sostegno, appunto, i giovani che scelgono di risiedere in campagna e di presidiare un territorio a beneficio anche degli interessi collettivi, per tutte le esternalità e le funzioni positivi che - a partire dalla difesa e dalla stabilità idrogeologica - gli agricoltori svolgono sul territorio.

Ultimo aggiornamento: 11 novembre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá