HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-11-13 15:56:48
A+ A- Stampa articolo



Congo. Nord Kivu: si allontana l'accordo con M23. Soldati rwandesi a 3 km da Goma



Anche se la mediazione ugandese ha assicurato che le trattative “non sono state ufficialmente interrotte” tra il governo congolese e i ribelli del Movimento del 23 marzo (M23), nei fatti la firma di un accordo sembra allontanarsi. A poche ore dalla mancata firma, prevista inizialmente per lunedì scorso in Uganda, guadagnano sempre più spazio sospetti e critiche tra le parti. Il ministro degli Esteri congolese, Raymond Tshibanda - riferisce l'agenzia Misna - è già tornato a Kinshasa e nelle prossime ore dovrebbe rientrare anche il resto della delegazione governativa. Sono dure le dichiarazioni rilasciate finora da fonti dell’esecutivo congolese. “Ci sembra che l’Uganda stia agendo come parte del conflitto. Ha interessi diretti nell’M23” ha detto il portavoce del governo, Lambert Mende; parole che rispecchiano il clima di sfiducia che vige al livello regionale. Per François Muamba, coordinatore congolese dell’attuazione dell’accordo di Addis Abeba – siglato lo scorso febbraio da 11 Paesi africani per riportare la pace in Nord Kivu – “la mediazione ugandese doveva semplicemente fare la parte del medico legale per costatare la morte dell’M23 e la fine della guerra, non grazie alla firma di un accordo ma perché il movimento è stato sconfitto, cacciato e deve scomparire”. E’ con questa motivazione che Kinshasa ha ribadito che non può trattarsi di un “accordo” ma di una “dichiarazione d’intenti”, aggiungendo che “il documento non può dare una lettura sbagliata o di parte di quanto è accaduto sul terreno, sarebbe un rischio per il futuro” si legge sul sito dell’emittente Radio Okapi. Intanto gli inviati speciali dell’Onu, dell’Unione Africana, dell’Unione Europea e di Washington, che si trovavano ad Entebbe per assistere alla cerimonia di firma dell’accordo, hanno invitato le parti a “risolvere le divergenze sul fondo e la forma dell’accordo”, ribadendo il loro attaccamento a “una soluzione pacifica e politica del conflitto”. Per ora non ci sono state reazioni ufficiali da parte del capo politico dell’M23 Bertrand Bisimwa, né dal capo militare Sultani Makenga, che si trovano entrambi in territorio ugandese. Dal Nord Kivu è invece giunta la conferma della presenza di un centinaio di militari ruandesi nella zona di Murambi, a pochi chilometri dall’aeroporto di Goma, il capoluogo provinciale, a di “importanti concentrazioni di armi ed equipaggiamenti”. Secondo alcuni osservatori e giornalisti la fine dell’M23 significa “la fine di una battaglia piuttosto che la fine della guerra”. Inoltre si temono vendette incrociate e regolamenti di conti tra le varie comunità locali dopo l’arresto di diversi civili accusati di “complicità con l’M23″ nelle località riconquistate dall’esercito congolese all’inizio del mese, in particolare a Kiwanja, Bunagana e Rutshuru. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá