HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Udienze ed Angelus > notizia del 2013-11-13 14:42:50
A+ A- Stampa articolo



Udienza generale, appello per Siria e Filippine. Il Papa: Battesimo è carta d'identità del cristiano



Le “vere battaglie da combattere” sono quelle “per la vita, mai per la morte”. È l’affermazione con cui Papa Francesco ha voluto concludere l’udienza generale di ieri mattina, riferendosi al tragico attentato di due giorni fa a Damasco – che ha ucciso dei bambini – e alla catastrofe umanitaria che ha investito i filippini dopo il tifone Haiyan. La catechesi dell’udienza è stata dedicata invece al Battesimo e alla Confessione, Sacramenti di nascita e di rinascita nella Chiesa. Il servizio di Alessandro De Carolis:RealAudioMP3

“Per favore”. Di fronte all’artiglieria spianata che falcia bambini che vanno a scuola come fossero pericolosissimi nemici, Papa Francesco si presenta col più disarmato degli appelli. L’udienza generale è quasi conclusa quando le sue parole riportano i circa 50 mila radunati in Piazza San Pietro all’ennesima pagina agghiacciante in arrivo dalla Siria, la strage degli scolari innocenti di Damasco, uccisi l’altro ieri da colpi di mortaio:

“Per favore, che queste tragedie non accadano mai! Preghiamo fortemente! In questi giorni stiamo pregando e unendo le forze per aiutare i nostri fratelli e sorelle delle Filippine, colpiti dal tifone. Queste sono le vere battaglie da combattere. Per la vita! Mai per la morte!”.

L’appello per la vita e contro la morte di Papa Francesco era stato sviluppato in altro modo anche al momento della catechesi. Riferendosi all’espressione del Credo in cui si dice “professo un solo Battesimo per il perdono dei peccati”, il Papa l’ha scissa nei suoi tre pilastri. Il primo, ha sottolineato, è il verbo “professo”. Nel pronunciarlo – ha detto Papa Francesco – “affermiamo la nostra vera identità di figli di Dio”:

“Il Battesimo è in un certo senso la carta d’identità del cristiano, il suo atto di nascita, e l’atto di nascita alla Chiesa. Tutti voi conoscete il giorno nel quale siete nati ( … ) Il primo compleanno è quello della nascita alla vita e il secondo compleanno è quello della nascita alla Chiesa”.

Dirà poco dopo il Papa, rivolgendosi ai fedeli di lingua francese, parafrasando una sua fortunata esclamazione:

“Nel corso di tutta la vostra vita non lasciatevi rubare la vostra identità cristiana”.

Se dunque nella vita cristiana i giorni della nascita sono due, esiste anche la possibilità di rinnovare questa seconda nascita, attraverso il Sacramento della Riconciliazione:

“Quando noi andiamo a confessarci delle nostre debolezze, dei nostri peccati, andiamo a chiedere il perdono di Gesù, ma andiamo pure a rinnovare il Battesimo con questo perdono. E questo è bello, è come festeggiare il giorno del Battesimo in ogni Confessione. Pertanto la Confessione non è una seduta in una sala di tortura, ma è una festa. La Confessione è per i battezzati! Per tenere pulita la veste bianca della nostra dignità cristiana!”.

Ciò che un cristiano professa nel Credo è “un solo Battesimo”, il secondo pilastro approfondito da Papa Francesco. Battesimo, ha ricordato, significa “immersione”, un “lavacro di rigenerazione e illuminazione":

“Rigenerazione perché attua quella nascita dall’acqua e dallo Spirito senza la quale nessuno può entrare nel regno dei cieli. Illuminazione perché, attraverso il Battesimo, la persona umana viene ricolmata della grazia di Cristo, «luce vera che illumina ogni uomo» e scaccia le tenebre del peccato. Per questo, nella cerimonia del Battesimo, ai genitori si dà una candela accesa, per significare questa illuminazione; il Battesimo ci illumina da dentro con la luce di Gesù”.

Terzo pilastro è quando il credente professa un solo Battesimo “per la remissione dei peccati” e qui Papa Francesco è tornato al valore della Confessione. Io non mi posso battezzare due, tre, quattro volte – ha osservato – ma confessandomi “è come se io facessi un secondo Battesimo”:

“Il Signore Gesù è tanto buono e mai si stanca di perdonarci. Anche quando la porta che il Battesimo ci ha aperto per entrare nella Chiesa si chiude un po’, a causa delle nostre debolezze e per i nostri peccati, la Confessione la riapre, proprio perché è come un secondo Battesimo che ci perdona tutto e ci illumina per andare avanti con la luce del Signore”.

Al termine dell’udienza, Papa Francesco ha salutato “con affetto” i familiari delle vittime della strage di Nassirya di dieci anni fa in Iraq, accompagnati dall’ordinario militare per l’Italia mons. Marcianò, e in particolare anche il Gruppo Malati Rari d’Italia, assieme al presidente del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari, Mons. Zimowski. Come accaduto alcuni giorni fa, il Papa si è intrattenuto a lungo con gli infermi che lo attendevano.

Ultimo aggiornamento: 14 novembre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá