HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-11-16 16:00:57
A+ A- Stampa articolo



A Milano, un convegno per ricordare il 50.mo del pellegrinaggio di Paolo VI in Terra Santa



Cinquant’anni fa si svolgeva lo storico viaggio di Paolo VI in Terra Santa, in cui per la prima volta, dopo Pietro, un Pontefice si recava in quella regione. La ricorrenza è stata celebrata con un documentario presentato, all’auditorium San Fedele di Milano, nel corso del convegno organizzato dalla diocesi ambrosiana e dalla Custodia di Terra Santa, dal titolo “4-6 gennaio 1964, Paolo VI pellegrino in Terra Santa: un evento storico per la Chiesa universale”. Da Milano, il servizio di Fabio Brenna:RealAudioMP3

Il cardinale Giovanni Battista Montini, arcivescovo di Milano, venne eletto Papa con il nome di Paolo VI nel giugno 1963, cinquant’anni fa. Chiamato a guidare la Chiesa in un’epoca di grandi cambiamenti politici e sociali, con un Concilio appena iniziato e dagli esiti tutti da verificare, pochi mesi dopo la sua elezione fece un gesto carico di significato: decise di recarsi pellegrino in Terra Santa, primo Pontefice dopo San Pietro. Un gesto di enorme impatto pastorale, che si è imposto con forza come un punto fermo dell’agenda dei successivi Papi (Giovanni Paolo II si recò in Terra Santa nel 2000, Benedetto XVI nel 2009).

Questo storico pellegrinaggio di Paolo VI, è stato ricordato nel convegno con la partecipazione del cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano, e di fra Dobromir Jasztal, vicario della Custodia di Terra Santa. Nel corso della serata è stato proiettato il documentario Ritorno alle sorgenti - Paolo VI in Terra Santa, prodotto nel 1964 dalla Custodia di Terra Santa in occasione di quel pellegrinaggio. Del documentario si era persa completamente la memoria. Presso gli archivi di Milano sono stati però rinvenuti alcuni rulli della pellicola e sono stati restaurati per l’occasione. Il filmato è un documento storico di grande importanza: mostra una Terra Santa ormai scomparsa, precedente alla "Guerra dei Sei Giorni". Tra le immagini memorabili della pellicola, da segnalare quelle del commovente incontro avvenuto a Gerusalemme tra Paolo VI e il patriarca ecumenico di Costantinopoli Atenagora.

Il card. Scola si è augurato che Paolo VI possa essere presto chiamato Beato, per segnare come il suo Pontificato abbia costituito le fondamenta per quelli successivi fino a quello attuale di Francesco. Angelo Maffeis, presidente dell’Istituto Paolo VI di Concesio ha sottolineato come le radici ecumeniche di Paolo VI affondino nell’esperienza ambrosiana dell’arcivescovo Montini e come si trattasse di uno sforzo intensissimo per le circostanze storiche in cui avvenne:

"La scelta non è stata casuale proprio perché c’erano problemi molto vivi di precedenza a chi doveva visitare l’altro. Quindi, la scelta di Gerusalemme è stata una scelta che riconosce appunto la superiorità ed il carattere fondamentale della presenza e del messaggio evangelico rispetto alle forme in cui la Chiesa lo testimoniano. Quindi, indica anche al cammino ecumenico questo luogo di incontro a partire dal quale ristabilire la comunione".

Il 10 gennaio 2014 il pellegrinaggio di Paolo VI sarà ricordato presso l’Istituto Paolo VI di Concesio, in provincia di Brescia, alla presenza di monsignor Luciano Monari, vescovo di Brescia, e padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá