HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-11-15 16:52:42
A+ A- Stampa articolo



Il commento di don Ezechiele Pasotti al Vangelo della Domenica



Nella 33.ma Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci propone il Vangelo in cui Gesù, parlando dei tempi che verranno, profetizza momenti difficili e persecuzioni contro i suoi discepoli. Quindi dice:

“Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita".

Su questo brano evangelico ascoltiamo una breve riflessione di don Ezechiele Pasotti, prefetto agli studi nel Collegio Diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Roma:RealAudioMP3

Il tempo “per annum” volge al termine, tra poco l’ “avvento” verrà a risvegliare in noi l’attesa della “beata speranza”, e la liturgia ci pone davanti il senso ultimo della vita. Davanti alla bellezza del Tempio, alcuni – forse i discepoli – ne lodano le pietre e i doni votivi. Si percepisce un: “Come si sta bene qui!”. Dove il “qui” sembra chiudere l’orizzonte della vita dell’uomo. Gesù capovolge questo orizzonte: “Non resterà pietra su pietra”; “sentirete parlare di guerre e rivoluzioni”; “si solleverà nazione contro nazione”; “vi saranno terremoti, carestie e pestilenze”; “fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo”. È la nostra storia. Davanti ad essa Cristo ci dà due ammonimenti: “Non lasciatevi ingannare”, “Non andate dietro a chi pretende di venire in mio nome”; e una parola di consolazione: “Non vi terrorizzate”. Ma prima si deve compiere anche in noi quanto si è compiuto nel Cristo: “Sarete consegnati” e proprio da coloro da cui non ci aspetteremmo mai di essere traditi: genitori, fratelli, parenti e amici. C’è qui la missione della Chiesa, di ogni cristiano: “Avrete occasione di dare testimonianza…, Io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere”. È il martirio della Chiesa. Ha detto Papa Francesco: “Per annunciare il Vangelo sono necessarie due virtù: il coraggio e la pazienza… ci sono più martiri oggi che nei primi secoli della Chiesa; più martiri! … Ma il martirio non è mai una sconfitta; il martirio è il grado più alto della testimonianza che noi dobbiamo dare. Noi siamo in cammino verso il martirio, dei piccoli martìri…” (18 Maggio 2013).




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá