HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-11-17 13:52:10
A+ A- Stampa articolo



Libia. Ancora scontri a Tripoli. Iniziato lo sciopero dei settori pubblici



Continua a essere instabile la situazione in Libia dove alle 43 vittime di venerdì, ieri – giornata in cui si sono registrati disordini a Tajura ad opera dei miliziani di Misurata - se ne è aggiunta un’altra a Tripoli, nell’ambito degli scontri tra fazioni diverse che hanno causato anche decine di feriti sia tra i miliziani, sia tra i civili inermi. E se ieri nella capitale si sono conclusi i tre giorni di lutto indetti dal sindaco Al Badri per le vittime, il Consiglio locale della città ha annunciato uno sciopero di tre giorni in tutti i settori pubblici: una sorta di protesta contro il rinfocolarsi delle violenze. In merito ha parlato anche il primo ministro Ali Zeidan, che nel suo appello pubblico a “porre fine ai combattimenti” ha anche chiesto ai gruppi armati di lasciare Tripoli. Appelli alla pacificazione vengono pure dall’estero: sia l’Unione Europea, sia la missione delle Nazioni Unite in supporto al Paese (Unsmil) hanno condannato i fatti, chiesto la fine degli scontri e difeso il diritto dei cittadini libici a manifestare pacificamente, ribadendo la necessità di “concentrarsi sulla transizione democratica” della Libia. All’unanime condanna si è aggiunta anche la voce del segretario di Stato americano Kerry, che ha invitato tutte le parti alla moderazione, ricordando che non era questo lo spirito della rivoluzione iniziata nel 2011 che portò a un rapido rovesciamento del regime di Gheddafi. (R.B.)
Ultimo aggiornamento: 18 novembre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá