HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-11-17 09:26:52
A+ A- Stampa articolo



Terrorismo in Pakistan: vescovo di Islamabad, uniti per la pace. A Rawalpindi imposto coprifuoco



Terrorismo, violenze, scontri tra forze regolari e talebani, attacchi contro singole persone e comunità, come avvenuto a settembre scorso contro i cristiani di Peshawar. È il quadro del Pakistan, tracciato all’agenzia AsiaNews da mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad – Rawalpindi. "Dobbiamo restare uniti e continuare a pregare per la pace in Pakistan”, afferma, denunciando che il Paese è “vittima del terrorismo”, terreno fertile per nuove azioni violente. Nelle scorse settimane si era ipotizzato un timido tentativo di colloqui di pace fra Islamabad e il fronte islamista, interrotto dalla morte improvvisa del leader del Tehrik e Taliban Pakistan, Hakim Ullah Mashud, ucciso in un raid dei droni Usa all’inizio del mese. Proprio in vista di possibili tentativi di dialogo coi talebani, Islamabad ha condannato con forza l'attacco degli aerei senza pilota statunitensi, che in diverse occasioni hanno colpito anche la popolazione civile e hanno mietuto vittime innocenti. La morte del leader talebano è avvenuta a pochi giorni di distanza dal viaggio negli Usa del premier pakistano Nawaz Sharif, che ha messo proprio i raid dei droni al centro dei colloqui con Washington. Intanto a Rawalpindi le autorità hanno imposto il coprifuoco dopo i violenti scontri tra sunniti e sciiti che hanno provocato 14 morti. Bloccati anche i servizi di telefonia mobile. (G.A.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá