HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-11-29 13:00:29
A+ A- Stampa articolo



Egitto. Allerta in Piazza Tahrir. Mons. Golta: speranza per la nuova Costituzione



In Egitto si temono nuove tensioni dopo la preghiera del venerdì. Le forze della sicurezza hanno chiuso l'accesso a piazza Tahrir al Cairo in vista delle manifestazioni convocate dai sostenitori del deposto presidente Mohammed Morsi. Il servizio di Massimiliano Menichetti:RealAudioMP3

Barricate e filo spinato sono stati sistemati dalle autorità di pubblica sicurezza agli ingressi di piazza Tahrir, al Cairo, luogo simbolo della rivoluzione del 25 gennaio 2011 e punto di riferimento anche per i sostenitori del deposto presidente Mohammed Morsi. Per oggi, nonostante l’entrata in vigore della recente legge che limita fortemente gli assembramenti, sono state convocate nuove manifestazioni. E immediato è stato anche il rafforzamento delle misure di sicurezza anche nelle città di Ismailia e Port Said. Ieri, uno studente è rimasto ucciso nelle proteste duramente represse dalla polizia vicino all’Università de Il Cairo. Motivo della contestazione la sentenza a carico di 21 donne, sostenitrici dei Fratelli musulmani e condannate ad 11 anni di carcerere perché ritenute colpevoli di terrorismo, ostruzione del traffico, sabotaggio e uso della forza durante i sit-in di un mese fa ad Alessandria. In questo scenario, nel sud del Paese due persone sono morte e altre dieci sono state ferite, ieri, nel corso di scontri tra musulmani e cristiani per la costruzione di un muro nel villaggio di Nazlet Abeed, a circa sei chilometri da Minya.

In Egitto, è slittata ancora la pubblicazione, attesa per ieri, del testo, molto discusso, della nuova Costituzione. La Carta fondamentale sarà poi sottoposta referendum popolare. Ma come vedono i cristiani questo documento? Olivier Tosseri lo ha chiesto al vicario patriarcale di Alessandria dei Copti, mons. Youhanna Golta:

“Non abbiamo potuto realizzare completamente la nostra speranza. La Costituzione non può essere una costituzione veramente civile, liberale, come ad esempio in Francia, in Inghilterra, ma è una nuova costituzione che ha assicurato la libertà religiosa e di espressione, ci sono molti novità positive. C’è grande speranza che questa Costituzione sarà un passo verso uno Stato veramente civile.”




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá