HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-11-29 12:57:16
A+ A- Stampa articolo



Il card. Bagnasco sulla custodia del creato: Andiamo nelle periferie con il calore del cuore



“Siamo chiamati a prenderci cura dell’umanità là dove vive” addentrandoci “nelle periferie non con una strategia d’assalto, ma con la temperatura del cuore”. Lo ha detto il cardinale Angelo Bagnasco nella lezione inaugurale del convegno di Assisi, dedicato alla custodia del creato. “Le periferie dell’umano – ha precisato il card. Bagnasco – sono innanzitutto l’assenza di luce, di senso, la solitudine e l’angoscia, le paure e la delusione di se stessi”. Ma le periferie esistenziali, ha proseguito, si trovano anche “nelle famiglie ferite, nei rapporti interrotti, nella malattia e nella morte” così come “nella povertà e disoccupazione”. Mentre “in termini più universali, le periferie – ha sottolineato il porporato – sono i luoghi e le situazioni di lontananza dal centro più profondo dell’umano, che è la verità, l’amore e la giustizia”. Il presidente della Cei ha quindi denunciato l’esistenza, in Italia, di “una cultura chiassosa e supponente che, avvalendosi di batterie pesanti, vuole imporre una visione della persona e della società puntiforme” e “individualista”. Tuttavia, ha notato il cardinale, “se ci guardiamo attorno, c’è il Paese reale, la maggior parte della gente che vive una cultura silenziosa, ma ancora radicata: che ha l’istinto della vita come dono e mistero, la famiglia come grembo stabile di vita e palestra di umanità”. Un “tessuto sociale che non appare – ha concluso il cardinale – ma meriterebbe la ribalta, per orientare il Paese in tempi di sbandamento”. (A.P.)

Bollettino del Radiogiornale della Radio Vaticana Anno LVII no. 333




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá