Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-12-05 16:38:27
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Benedetto XVI, visto da vicino




RealAudioMP3 "Ho sempre pensato che Benedetto XVI sia stato vittima di un cliché negativo. Non vorrei che oggi Papa Francesco fosse invece vittima di un cliché positivo, perché i cliché non aiutano mai a comprendere realmente una persona, soprattutto a capire un Papa". Giovanna Chirri, giornalista vaticanista dal 1994, diventata celebre per aver annunciato per prima al mondo con un lancio d'agenzia la rinuncia di Joseph Ratzinger, ci racconta il suo libro 'L'ultima parola: gesti e parole di Benedetto XVI che hanno segnato la storia" (San Paolo), e riflette sulla superficiale contrapposizione tra Papa Bergoglio e il suo predecessore. "L'inizio in un certo senso trionfante del pontificato di Papa Francesco corre il rischio di non farcelo comprendere. Dobbiamo cercare di avere nei suoi confronti uno sguardo attento e scrupoloso, che lasci parlare i fatti, i gesti e le parole di questo Papa, lo stesso sguardo che io ho cercato di avere nei confronti di Benedetto XVI". "Per quanto riguarda la discontinuità fra i due pontefici, onestamente non mi pare di vederne molta. Ci troviamo ovviamente di fronte a due uomini diversi come personalità, come stile, come provenienza culturale e geografica, però i punti di contatto ci sono. Innanzitutto, non sono affatto sicura che se Papa Benedetto non avesse rinunciato la Chiesa sarebbe stata capace di eleggere Papa Francesco. Poi, c'è una forte continuità di temi, come quello della Chiesa 'mite' che Benedetto XVI introdusse giù nel 2006 al Convegno della Chiesa italiana a Verona. E poi il tema della 'smondanizzazione', così caro a Papa Francesco, che Papa Ratzinger sviluppò nel discorso di Erfurt, nel suo viaggio in Germania del 2011". Nel libro, Giovanna Chirri affronta le tappe più importanti del Pontificato di Benedetto XVI presentandolo come 'un grande innovatore nella comunicazione papale'. Racconta le tante battaglie che Ratzinger ha intrapreso gettando le basi di un'autentica riforma spirituale e morale del mondo cattolico, basi su cui il suo successore sta edificando la Chiesa di oggi. (Intervista a cura di Fabio Colagrande)