HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2013-12-05 20:31:33
A+ A- Stampa articolo



A rischio l'aiuto alimentare ai circa 5 milioni di persone in povertà assoluta in Italia



Sono la Grecia e l’Italia i Paesi della zona euro dove il rischio povertà ed esclusione sociale è più alto. Secondo i dati Eurostat in Italia il 29,9% della popolazione rischia di diventare povero, ossia 18 milioni di persone. In questa drammatica situazione, quattro milioni e ottocentomila persone, in povertà assoluta, rischiano di non poter più beneficiare degli aiuti alimentari distribuiti da oltre 15 mila strutture caritative dislocate in tutta Italia. Il servizio di Francesca Sabatinelli:RealAudioMP3

Mancano pochi giorni alla fine dell’ann, e le istituzioni italiane dovranno scegliere se continuare a sostenere chi in Italia non ha la prima delle necessità: il cibo. Il prossimo 31 dicembre, si conclude il "Programma di aiuti alimentari dell’Ue in favore degli indigenti". Al governo italiano si chiede un incremento, necessario, del "Fondo nazionale per gli aiuti alimentari agli indigenti". Per questo oggi, al Centro Astalli, il servizio dei Gesuiti per i rifugiati in Italia, si è recato in visita il presidente del Senato, Pietro Grasso:

“L’impegno è anche cercare di veicolare, attraverso le istituzioni che rappresento, quindi il parlamento, un emendamento che possa – nella Legge di stabilità – aumentare il budget che l’anno scorso era di 100 milioni di euro e quest’anno è di 5 milioni di euro: come se, di colpo, la povertà fosse sparita, in Italia. Invece, sappiamo che è aumentata notevolmente. Noi abbiamo bisogno di risorse. Io farò di tutto per lanciare un appello ai miei colleghi alla Camera, e noi speriamo di dare questa buona notizia, prima di Natale, a coloro che vivono in questa situazione di povertà. L’idea è di togliere un po’ di fondi alla social card per poterli dare a queste istituzioni che veramente fanno onore all’Italia”.

La denuncia delle Associazioni che si sono riunite nell’iniziativa “Insieme per l’Aiuto alimentare” – oltre al Centro Astalli, Croce Rossa Italiana, Banco Alimentare, Comunità di Sant’Egidio e altre – è che si corre il serio rischio che non saranno più disponibili derrate alimentari in favore dei bisognosi e che oltre 15 mila strutture caritative, oggi attive, non saranno in grado di affrontare l’emergenza. Padre Giovanni La Manna, direttore del centro Astalli:

“E’ impensabile che chi è chiamato con responsabilità a decidere, continui a passare sulle persone in difficoltà. Stiamo parlando di bisogno primari, stiamo parlando del pasto quotidiano, della sopravvivenza di donne, bambini, di interi nuclei familiari. L’appello dev’essere pressante, forte, su chi ha il potere e la responsabilità di decidere tenendo conto della realtà, soprattutto degli ultimi. E’ impensabile assistere indifferenti al fatto che il numero delle persone in difficoltà cresce e dall’altra parte si tagliano risorse per mantenerle in vita. Perché quando parliamo di pasto quotidiano, parliamo di rimanere in vita”.

Si chiede pertanto, con urgenza, che le risorse del nuovo Fondo europeo di aiuto agli indigenti, operativo dal 2014 al 2020, “siano destinate in massima parte all’acquisto di derrate alimentari da distribuire sul territorio nazionale attraverso gli Enti caritativi e le strutture caritative già impegnate” in questa direzione. Marco Lucchini, direttore della Fondazione Banco Alimentare:

“Spero che nella discussione della Legge di stabilità ci si renda conto che è necessari per le persone povere, indigenti, ma per tutti i cittadini che venga finanziato il Fondo di aiuti alimentari, con la cifra adeguata che noi riteniamo debbano essere almeno 40 milioni. Altrimenti, i rischi sociali e di sicurezza per il nostro Paese diventeranno veramente incalcolabili. Tutte le organizzazioni sono unite e hanno chiaro l’obiettivo. Adesso, chiediamo che anche le istituzioni si uniscano a noi e facciano il loro dovere, per potere – appunto – deliberare nella legge di stabilità, questo finanziamento. Scopo ultimo è aiutare oltre quattro milioni di persone che oggi hanno realmente difficoltà a nutrirsi tutti i giorni in modo che possa permettere loro di vivere e anche di affrontare le difficoltà che sono il lavoro, l’occupazione: senza mangiare non si può neanche lavorare, senza mangiare ci si ammala di più. Quindi, diventa un costo sociale molto più grande”.

Non sostenere il Fondo significherebbe mettere fine a tutte le attività benefiche, che finora in Italia hanno permesso di creare e mantenere attiva una importante rete di aiuti in favore di tutte le persone in grave bisogno, il cui numero sta divenendo sempre più imponente.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá