HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2013-12-16 14:10:31
A+ A- Stampa articolo



Filippine: superata l'emergenza. Salito a 6.000 il bilancio delle vittime



L’arcipelago si avvia a superare la fase delle stretta emergenza entro la fine dell’anno, tuttavia conta delle vittime, gestione dei cadaveri e degli sfollati rappresentano ancora seri ostacoli all’avvio della ricostruzione. Insieme ai costi, in prospettiva crescenti. Anche nell’emergenza e per questo, oggi la sottosegretario Onu per gli Affari umanitari ha lanciato un nuovo appello ai donatori. Valerie Amos ha chiarito che il costo del Piano di risposta strategica al super-tifone Yolanda (nome dato nelle Filippine a Haiyan) è salito di 2,5 volte rispetto alle sue stesse stime del 12 novembre, passando da 301 milioni di dollari a 791, di cui solo il 30% finanziato finora). Intanto - riferisce l'agenzia Misna - i dati più aggiornati diffusi dal Centro nazionale per la riduzione e gestione dei rischi nell’emergenza, indicano in 6.033 i corpi finora recuperati, con una media di una ventina al giorno. Deceduti che continuano ad aggiungersi al già lungo elenco, sovente sommario per quanto riguarda l’identità. L’impegno di recupero continuerà senza interruzione anche nel periodo natalizio. Il maggiore Rey Balido, ha ribadito sabato al quotidiano filippino Inquirer di non poter fare una valutazione sul numero delle vittime, ma solo che i ritrovamenti continuano e che si tratta in maggioranza di annegati, travolti dalle onde alte fino a un metro e mezzo alzate dal venti del super-tifone, impreviste dai meteorologi e dai servizi di prevenzione. Saltata la stima di 2.500 uccisi dalla furia del tifone fatta dal presidente benigno Aquino nei primi giorni dopo l’evento, si avvicina lentamente quella dei 10.000 stimati dal responsabile della polizia della provincia di Leyte, per questo sanzionato. 1.779 i dispersi ufficiali, a fronte di una stima di 8000 basata su fonti locali. Un totale di 101.646 persone sono ancora ospitate in 383 centri di evacuazione, oltre a 3,8 milioni di senzatetto a cui viene fornita una qualche forma di assistenza esterna su complessivi 16 milioni di abitanti delle aree centrali dell’arcipelago, in 44 provincie, colpiti dalla furia di Haiyan. Crescono anche i costi prevedibili della riabilitazione di una vasta area delle Filippine, che includeva aree agricole di vitale importanza. Sono 100.000 i pescatori rimasti senza possibilità di lavoro e quanto da loro prodotto prima e ora perduto rappresenta un duro colpo all’occupazione locale e all’economia del Paese. Gravi danni economici a cui vanno aggiunti i costi delle infrastrutture e quelli di quasi di un milione di abitazioni perdute. Sabato, da Tokyo dove si trovava per l’incontro di celebrazione dei 40 anni di rapporti tra Giappone e Asean (Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico), il presidente ha stimato in 3,8 miliardi di dollari l’impegno considerato necessario a riportare la situazione a un livello almeno di poco migliore di quella precedente il tifone. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá