HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-12-16 14:24:26
A+ A- Stampa articolo



Premio “Giuseppe De Carli” alla comunità di Lampedusa: consegna a Roma al sindaco Nicolini



Ieri a Roma, nella Sala Zuccari del Senato, la consegna del Premio in onore del giornalista e scrittore Giuseppe De Carli, direttore di Rai Vaticano, scomparso tre anni fa. Vincitrice di questa prima edizione è stata la comunità di Lampedusa. A ritirare il Premio dalla mani del sindaco di Roma, la prima cittadina dell’isola siciliana, Giusi Nicolini. Ad illustrare alla stampa i motivi della scelta è stato Giuseppe Benelli, presidente della Fondazione “A life for Faith”, che assegna il Premio. Ascoltiamo al microfono di Roberta Gisotti:RealAudioMP3

R. – Lampedusa rappresenta in questo momento un simbolo di una vita per la fede; un’isola che si trova per motivi geografici a dover affrontare un’emergenza particolarmente grave. E quindi l’attestato di questo Premio va dato a tutta la comunità. Nello spirito di Giuseppe De Carli questa nostra Fondazione vuole dimostrare una fede operativa, una fede laica, una fede che si apre alla conoscenza della propria identità, nel rispetto delle altre identità. Allora, ci siamo chiesti: chi meglio del sindaco di Lampedusa, del rappresentante di questa comunità, merita questo attestato?

D. – Al Premio sappiamo che è associata una borsa di studio...

R. – De Carli aveva pensato ad un premio religioso particolare, ma l’aveva pensato in senso grande. Allora noi, interpretando il suo desiderio, assegniamo una borsa di studio di 20 mila euro, che la comunità di Lampedusa potrà spendere, puntando su un giovane - che sceglierà lei - su un ragazzo meritevole, che abbia voglia di studiare e di fare.

D. – Lei ha sottolineato una fede operativa, laica e che guarda ai giovani, in tempi in cui si sottolinea che abbiamo tolto il futuro a questa nostra gioventù...

R. – Sì, purtroppo sì. Guardiamo al mondo dei giovani, proprio perché questo momento storico è veramente preoccupante. Puntare con questa nostra Fondazione al mondo giovanile significa consentire a dei giovani di entrare nel mondo del lavoro e, soprattutto, di guardare con più ottimismo al futuro. Lo dico perché Giuseppe De Carli, nella sua vita, sia come studente liceale, poi come studente di Filosofia e di Scienze Politiche e poi soprattutto di studi teologici nella sua maturità, concepiva la cultura come trasmissione di valori. E allora la Fondazione, con questa iniziativa, vuole valorizzare le capacità dei giovani.

Ultimo aggiornamento: 17 dicembre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá