HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-12-25 14:10:52
A+ A- Stampa articolo



Strage di Natale a Baghdad, decine di morti. Mons. Warduni smentisce attentato contro i cristiani



Un nuovo attentato a Baghdad sconvolge anche il giorno di Natale. Un’autobomba è esplosa nel quartiere di Doura nei pressi di un mercato. Il bilancio è di oltre 40 morti, decine i feriti. Fonti mediche e della sicurezza irachena riferiscono che l’attentato è avvenuto vicino una chiesa. Tuttavia, il vescovo ausiliare di Baghdad dei Caldei, mons. Shlemon Warduni, smentisce questa versione. Ascoltiamolo al microfono di Eugenio Bonanata:RealAudioMP3

R. – Non dobbiamo mescolare le cose. Voi sapete che gli attentati in Iraq sono diversi e tanti. Poi una macchina che è esplosa al mercato - e c’è una chiesa vicino al mercato - io non dico che è contro i cristiani o contro il Natale! E’ avvenuto nel giorno di Natale, ma non perché è Natale. Queste notizie danno alla gente un’impressione non buona ed è a questo che i mass media devono fare attenzione!

D. – Come viene vissuto questo periodo natalizio nel Paese?

R. – Veramente, noi abbiamo sentito molta gioia, molta partecipazione. Questa mattina le chiese erano pienissime; anche ieri sera, nella maggior parte delle chiese è stata celebrata la Messa, tra queste anche la mia parrocchia. E’ stato molto bello.

D. – Mons. Warduni, qual è la condizione dei cristiani in Iraq?

R. – La situazione dei cristiani in Iraq è uguale a quella di tutto il Paese, di tutti gli abitanti. Solo perché il nostro numero è piccolo, qualche volta, si sente che i cristiani stanno male. Basta! Non dobbiamo parlare così: dobbiamo essere anche giusti nei nostri giudizi. Perché emigrano i cristiani? Perché sono perseguitati? Non è vero, questo. L’emigrazione non è solo per i cristiani: anche per gli altri, anche i musulmani emigrano. Perciò noi preghiamo perché venga la pace: è questo che manca, a tutti noi iracheni, e non solo a noi: a tutto il Medio Oriente!

D. – Quindi, qual è il suo augurio per l’Iraq?

R. – Ecco: il mio augurio per l’Iraq, per il Medio Oriente, per tutto il mondo è che la pace venga, che la sicurezza sia lo scudo di tutti gli uomini di buona volontà. Quindi, tanti auguri a tutto il mondo, e anche a noi iracheni e a noi cristiani!




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá