HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-12-25 11:06:25
A+ A- Stampa articolo



Sudafrica, padre Piccolboni: Natale, tempo di speranza per rendere più unito il Paese



Il Sudafrica ha celebrato quest’anno il Natale senza Nelson Mandela, morto lo scorso 5 dicembre all’età di 95 anni. Sul clima particolare di queste festività natalizie, ascoltiamo padre Gianni Piccolboni, missionario stimmatino, intervistato da Amedeo Lomonaco:RealAudioMP3

R. – Un Natale senza Mandela è un Natale in cui si sente una mancanza. Abbiamo visto che la gente africana non ha celebrato la morte, ma la vita di quest’uomo, un uomo che è riuscito a fare la differenza in quella nazione.

D. – Un uomo che ha ricordato l’insostituibile valore dato da Dio ad ogni vita…

R. – Ogni vita umana, ogni persona è preziosissima davanti ai suoi occhi. Quindi dovrebbe diventare il patrimonio di tutti noi. I patrimoni non sono quelli riconosciuti dall’Unesco o i patrimoni minerari: il patrimonio vero e proprio è ogni persona umana che diventa dono e benedizione per tutti.

D. – Il Natale è il tempo della speranza. Quali le speranze per il Sudafrica nel post Mandela?

R. – Credo che la speranza più bella è anche l’eredità spirituale che Mandela ha lasciato. Un uomo che ha voluto mettere insieme la nazione. Un uomo che ha voluto prima di tutto eliminare nel cuore – sia dell’uomo bianco sia dell’uomo nero – i sentimenti di odio, di invidia e di competizione. Questa, per me, è la prima eredità spirituale che ci lascia. Credo che sia la speranza più grande, che deve nascere nel cuore di ciascuno di noi e di ogni uomo che abbia la volontà di lavorare per il bene comune, di promuovere la persona umana.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá