HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-01-03 13:35:33
A+ A- Stampa articolo



Fides: 22 gli operatori pastorali uccisi nel 2013, in prevalenza sacerdoti dell'America Latina



Sono stati 22 gli operatori pastorali uccisi nel mondo nel 2013. In prevalenza si tratta di sacerdoti. Il maggior numero di omicidi si registra in America Latina. A rendere noti i dati è l’Agenzia Fides in un dossier con l’elenco di preti, religiosi e laici uccisi lo scorso anno. Il servizio di Amedeo Lomonaco:RealAudioMP3

Vite scandite dall’annuncio del Vangelo e spezzate da brutali omicidi. Sono quelle di 22 operatori pastorali, uccisi nel 2013, quasi il doppio rispetto ai 13 del 2012. Alle vittime del 2013 - 19 sacerdoti, 1 religiosa e due laici – si deve aggiungere un altro omicidio avvenuto nella notte tra il 31 dicembre e il primo gennaio 2014 e costato la vita ad un parroco in California. Nella maggior parte dei casi si tratta di delitti scaturiti in seguito a tentativi di rapina o di furto, avvenuti spesso in contesti segnati da degrado morale, povertà economica e culturale. Per il quinto anno consecutivo è l’America Latina, con al primo posto la Colombia, il Continente con il maggior numero di operatori pastorali uccisi. In Africa sono stati assassinati un sacerdote in Tanzania, una religiosa in Madagascar, una laica in Nigeria. In Asia le vittime sono un sacerdote in India, uno in Siria e un laico nelle Filippine. In Europa è stato ucciso un sacerdote in Italia. Ascoltiamo Padre Vito Del Prete, direttore dell'agenzia Fides:

“È vero che in America Latina ci sono più martiri per una questione di violenze fatte a causa dei furti; mentre in Africa molte volte dobbiamo pensare che avvengono per l’intolleranza religiosa: in Tanzania abbiamo don Evarist Mushi che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre andava celebrare la Messa. Non dobbiamo dimenticare poi l’India dove abbiamo una persecuzione verso i gruppi cristiani, non perché l’India sia intollerante ma perché c’è una situazione di nazionalismo esasperato. Ha fatto molto scalpore la morte del rettore del seminario, don Kochupuryil, assassinato; anche un sacerdote a Trapani, in Sicilia, è stato colpito mentre dormiva nella sua canonica e non sappiamo ancora le motivazioni per cui è stato ucciso”.

Nel 2013 è stato inoltre aperto il processo di beatificazione di sei missionarie italiane delle Suore delle Poverelle di Bergamo, morte nella Repubblica Democratica del Congo nel 1995 per aver contratto il virus dell’ebola pur di non lasciare la popolazione senza assistenza sanitaria. E’ stata poi conclusa la fase diocesana del processo di beatificazione di Luisa Mistrali Giodotti, uccisa nel 1979 nell’allora Rhodesia mentre accompagnava in ospedale una partoriente. Sempre nel 2013 è stato avviato il processo diocesano per la causa di beatificazione di padre Mario Vergara, missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere, e del catechista Isidoro Ngei Ko Lat, assassinati in odio alla fede in Myanmar nel 1950. E lo scorso 25 aprile è stato beatificato don Pino Puglisi, ucciso nel 1993 dalla mafia.

Desta poi preoccupazione la sorte di numerosi operatori pastorali sequestrati o scomparsi, di cui non si hanno più notizie. Tra questi un sacerdote colombiano scomparso da mesi e tre presbiteri congolesi agostiniani dell’Assunzione, rapiti nel Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo, nel 2012. In Siria da tempo non si hanno poi più notizie del gesuita italiano Paolo Dall’Oglio, delle suore del monastero di Santa Tecla e dei due vescovi ortodossi di Aleppo. In Camerun è stato invece liberato il sacerdote francese “Fidei Donum”, padre Georges Vandenbeush, rapito lo scorso 13 novembre nella sua parrocchia nel nord del Paese.

“In duemila anni sono una schiera immensa – aveva detto Papa Francesco all’Angelus lo scorso 23 giugno – gli uomini e le donne che hanno sacrificato la vita per rimanere fedeli a Gesù Cristo e al suo Vangelo”. Ed è lunga lista dei tanti testimoni della fede di cui, forse, non si avrà mai notizia o di cui non si conoscerà il nome. “Pensiamo ai tanti fratelli e sorelle cristiani – aveva affermato il Santo Padre all’Angelus lo scorso 17 novembre – che soffrono persecuzioni a causa della loro fede. Gesù è con loro. Anche noi siamo uniti a loro con la nostra preghiera e il nostro affetto”. Ancora Padre Vito Del Prete:

“Attualmente c’è una persecuzione in atto. In tutti gli sconvolgimenti succeduti nel Medio Oriente e in altri Paesi come in Pakistan ed anche in India la religione cristiana è vista come qualcosa di importato, di occidentale. Non dobbiamo dimenticare – come ha ripetuto anche Papa Francesco – che ancora oggi i cristiani sono gruppi perseguitati. I cristiani vengono scacciati dai loro villaggi, qualche volta vengono torturati, anche imprigionati e qualche volta condannati a morte”.

I 22 operatori pastorali, uccisi nel 2013, erano tutti accomunati da una missione: l’annuncio del Vangelo. Don José Francisco Vélez Echeverri, 55 anni, sacerdote diocesano, è stato trovato morto il 16 gennaio, con ferite di arma da taglio, nel cortile della sua casa nel quartiere El Albergue, a sud di Buga, in Colombia. Sempre in Colombia don Luis Alfredo Suárez Salazar è stato ucciso la mattina del 2 febbraio ad Ocaña, nel nord di Santander. Don José Ancizar Mejia Palomino, 84 anni, della diocesi di Buga, è stato trovato morto il 2 febbraio nella sua residenza, a Caldas, comune di Riosucio. Il corpo senza vita di don Néstor Darío Buendía Martínez, 35 anni, è stato ritrovato in una zona isolata del comune di Los Cordobas, circa 500 km a nord di Bogotà. Don José Antonio Bayona Valle, 48 anni, sacerdote diocesano dell'arcidiocesi di Barranquilla è stato ucciso la sera del 6 maggio con 18 coltellate. Sul suo corpo sono stati trovati segni di tortura.

Padre Elvis Marcelino De Lima, 47 anni, nativo di Fortaleza (Brasile), della Congregazione della Sacra Famiglia di Nazareth, è stato ucciso il 13 luglio 2013 da due ragazzi che lo hanno aggredito a scopo di rapina. Don Luis Bernardo Echeverri, e don Héctor Fabio Cabrera, rispettivamente parroco e viceparroco della parrocchia di San Sebastián del municipio di Roldanillo, nel dipartimento della Valle del Cauca, arcidiocesi di Cali (Colombia), sono stati uccisi nella loro abitazione nella notte tra il 27 ed il 28 settembre. Don José Ramón Mendoza, 44 anni, è stato assassinato da malviventi la sera di domenica 17 febbraio nello stato di Lara, in Venezuela. Don Anibal Gomez è stato trovato morto a Panama il 30 ottobre, all'ingresso dell’abitazione del vescovo emerito della diocesi di Colón-Kuna Yala. Don José Flores Preciado, messicano, è morto all'Ospedale Universitario nella città di Colima (Messico), dopo essere stato picchiato da ignoti nella chiesa di Cristo Re, dove confessava e celebrava la Messa tutti giorni. Sempre in Messico, don Ignacio Cortez Alvarez, parroco della chiesa “María Auxiliadora”, è stato ucciso nella sua abitazione nella città di Ensenada, nella regione di Baja California. Don Hipólito Villalobos Lima e don Nicolás De la Cruz Martínez sono stati trovati assassinati il 29 novembre nella casa parrocchiale di San Cristobal del comune di Ixhuatlán de Madero, nello stato di Veracruz (Messico).

Don Evarist Mushi, 55 anni, è stato ucciso alle 7 del mattino di domenica 17 febbraio nella Cattedrale di San Giuseppe di Zanzibar, in Tanzania. Suor Marie Emmanuel Helesbeux, 82 anni, francese, è stata uccisa il primo marzo a Mandritsara, nel nord-est del Madagascar. Afra Martinelli, missionaria laica, è stata trovata nella sua stanza nel centro regina Mundi, in Nigeria, gravemente ferita alla nuca con un machete, molto probabilmente per un tentativo di furto.

Il laico Dexter Condez, 26 anni, impegnato nella difesa dei diritti degli indigeni del gruppo Ati, è stato ucciso con otto colpi di pistola sull’isola di Boracaya, nelle Filippine, il 22 febbraio. Don Kochupuryil J. Thomas, rettore del Seminario Maggiore San Pietro a Bangalore è stato assassinato da ignoti nella notte fra il 31 marzo e il primo aprile all'interno dei locali del Seminario. Il sacerdote siriano François Murad, 49 anni, è stato ucciso a Gassanieh, nel nord della Siria, nel convento della Custodia di Terra Santa dove aveva trovato rifugio, domenica 23 giugno. Padre Richard E. Joyal, 62 anni, canadese, membro della Società di Maria, è stato ucciso il 24 aprile nella capitale di Haiti, Port au Prince. Don Michele Di Stefano, 79 anni, della diocesi di Trapani è stato ucciso a colpi di bastone nel proprio letto, in canonica, dove viveva da solo, nella notte tra il 25 e 26 febbraio.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá