HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2014-01-03 12:17:08
A+ A- Stampa articolo



Mons. Solmi: maggiori aiuti per le famiglie, tutelare i diritti attraverso il Codice Civile



Nel 2012, si trovava in condizione di povertà relativa il 12,7% delle famiglie residenti in Italia, con un aumento di 1,6 punti percentuali sul 2011. Per questo nel 2014 è necessario rafforzare le tutele fiscali e normative proprio a favore dei nuclei familiari. Di questo ne è convinto il vescovo di Parma Enrico Solmi, presidente della Commissione Episcopale per la Famiglia e la Vita, che interviene anche sulle unioni civili. Alessandro Guarasci lo ha intervistato:RealAudioMP3

R. – C’è necessità di uno sviluppo a carattere di tutela sulla vocazione educativa della famiglia, sui tempi della famiglia e il lavoro assicurato alla famiglia e, parallelamente, un’attenzione fiscale che colga la famiglia nella realtà di nucleo. Pertanto questa realtà va considerata con un’attenzione particolare: la famiglia che ha figli e che al suo interno ha delle situazioni di fragilità.

D. - Troppo spesso la famiglia è stata considerata solo un ammortizzatore sociale su cui scaricare delle tensioni...

R. - Da un lato, si richiede alla famiglia tutto un insieme di apporti e la famiglia consente di ammortizzare delle situazioni che altrimenti sarebbero esplosive. Penso, in particolare, alla difficoltà all’entrare nel mondo del lavoro; dall’altro lato, non c’è un aiuto alla famiglia perché possa continuare a compiere questo essenziale servizio e questa essenziale supplenza alla nostra collettività.

D. - Secondo lei, serve anche una maggiore tutela dal punto di vista legislativo, normativo? Adesso, sempre più spesso negli ultimi giorni, si parla di unioni civili …

R. - È chiarissima la deriva che viene data e proposta anche in Italia: il favorire progressivamente, attraverso sentenze, soluzioni di fatto, un riconoscimento delle unioni di fatto e anche delle unioni di persone omosessuali. Vorremmo che la legislazione, e direi soprattutto le sentenze, abbiamo un’attenzione a considerare il dettato costituzionale dei numeri 30 e 31 della Costituzione; una lettura serena e fruttuosa di questo, consentirebbe un dialogo che in questo momento non è possibile riscontrare e vedere. Prova ne sono anche le ultime affermazioni che sono rimbalzate sui mass media proprio ieri. Parlare di famiglia significa avere una relazione uomo-donna che si palesa, si ratifica davanti alla società: la famiglia che parte -appunto - da questo legame pubblico è eminentemente sociale.

D. - Secondo lei si può trovare una forma di compromesso, in qualche modo? Su che punti?

R. - Più che compromesso si può arrivare ad una tutela dei diritti e delle persone in quanto tali; diritti che vanno anche in considerazione della relazione che un uomo ed una donna non sposati possono intessere, e di una relazione che può essere arricchita anche dalla presenza di figli o - comunque - una relazione di aiuto che comprenda l’assistenza sanitaria, i beni delle due persone, quindi il discorso dell’eredità. Questo percorso è assolutamente fattibile facendo riferimento al Codice civile e ai diritti della persona. Codice civile che può essere anche adeguatamente modificato per fare spazio a queste situazioni che, oggettivamente, da un punto di vista numerico sono significative.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá