HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2014-01-03 13:19:38
A+ A- Stampa articolo



Sud Sudan. Iniziati ad Addis Abeba i colloqui di pace: situazione umanitaria drammatica



Sono iniziati ieri ad Addis Abeba, in Etiopia, i negoziati per un cessate il fuoco in Sud Sudan, con l'obiettivo di porre fine a tre settimane di scontri tra le forze del governo e i ribelli fedeli all'ex vicepresidente, Riek Machar, che hanno causato finora un migliaio di morti, secondo l'Onu. A mediare tra le due parti c'è l'Autorità intergovernativa per lo sviluppo (Igad), organizzazione di sei Stati dell'Africa orientale. Gli esponenti dei due fronti non hanno per ora avuto alcun colloquio faccia a faccia. "I colloqui diretti cominceranno domani o il giorno dopo - ha detto Yohanes Pouk, portavoce della delegazione dei ribelli - siamo pronti a discutere della fine delle violenze, è nell'interesse di tutti noi. Discuteremo anche di altre questioni importanti, relative alla spartizione del potere". Ma ogni ipotesi di cessate il fuoco è stata finora respinta. Da Juba, intanto, le forze ribelli continuano a scontrarsi con l'esercito regolare e hanno fatto sapere di essere vicine alla capitale Juba. Gli scontri hanno creato una grave emergenza umanitaria. Tra i più colpiti vi sono gli oltre 200.000 rifugiati sudanesi accolti nei campi di Yida e Ajuong Thok nello Stato di Unità. Una delle situazione più drammatiche si registra ad Awerial, nello Stato dei Laghi (nel centro del Sud Sudan) dove oltre 70.000 sfollati, in maggioranza donne e bambini, sono privi di assistenza.

Ultimo aggiornamento: 4 gennaio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá