HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-01-03 07:50:56
A+ A- Stampa articolo



Thailandia. Riprendono le proteste di piazza contro l'esecutivo



Riprendono le proteste di piazza nella capitale thailandese, verso la paralisi decisa dall'opposizione. Mentre i militari negano l'intervento, il Paese si avvia a una nuova fase di instabilità. Da Bangkok, ci riferisce Stefano Vecchia:RealAudioMP3

Passata la breve tregua in occasione del Capodanno, la protesta a Bangkok riprende slancio verso quella che l'opposizione intende sia una mossa definitiva per spingere alle dimissioni al governo guidato da Yingluck Shinawatra prima del voto anticipato previsto per il 2 febbraio.
La paralisi dichiarata a partire dal 13 gennaio, dopo alcuni giorni di iniziative di sensibilizzazione nelle strade della capitale riprese da oggi, riguarderà tutti i ministeri e uffici pubblici, le abitazioni del premier e dei membri del governo, le principali arterie della città.
Come confermato ieri sera da Suthep Thaugsuban, coordinatore della protesta che include, oltre a partiti politici, anche un gran numero di gruppi della società civile, a ministeri, dipartimenti, aziende pubbliche, saranno tolte acqua e elettricità; chiesta l'assenza totale dal lavoro dei pubblici dipendenti. Smentito il blocco delle linee di metropolitana e degli aeroporti, ma non sono escluse dure azioni dimostrative per raggiungere l'obiettivo di porre fine al governo e al controllo sul paese della famiglia Shinawatra, da vent'anni al centro della vita politica e di vasti interessi economici. Inutile finora, almeno apertamente, la ricerca da parte di governo e dei suoi oppositori di un sostegno delle forze armate. Il premier ha avanzato la richiesta di un intervento che il 13 gennaio supporti la probabile imposizione delle legge d'emergenza e garantisca l'ordine pubblico; gli anti-governativi hanno chiamato più volte i generali a loro sostegno, ricordando la comune fedeltà alla monarchia e ai valori tradizionali. I capi delle forze armate, che da parte loro, hanno fatto sapere nella notte scorsa di non vedere alcuna opportunità di un'azione diretta, faranno conoscere una posizione più precisa nelle prossime ore. Intanto, le Camicie Rosse, filo-governative minacciano di portare centinaia di migliaia di sostenitori nella capitale per contrastare le mosse dell'opposizione.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá