HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-01-11 15:01:48
A+ A- Stampa articolo



Venezuela: i vescovi esortano il governo al dialogo per la riconciliazione e il bene comune



Il governo venezuelano e i vescovi della Conferenza episcopale hanno raggiunto un accordo per lavorare insieme nella costruzione di uno “spazio di pace” nel Paese. In dichiarazioni all’agenzia Efe, il ministro dell’Interno Miguel Rodriguez, venerdì, dopo un incontro con i vescovi riuniti in Assemblea plenaria da martedì scorso, ha affermato che insieme hanno trovato alcuni punti di convergenza per intraprendere progetti rivolti all’educazione dei giovani ai valori e alla lotta contro il consumo di droghe. La riunione con l’alto funzionario del governo ha avuto come cornice la pubblicazione dell’Esortazione pastorale “Dialogo e Pluralismo”, nella quale i vescovi venezuelani hanno rinnovato il loro rifiuto a ogni forma di esclusione e segregazione politica da parte dei diversi attori politici nazionali. Nella presentazione del documento ai giornalisti, il presidente dell’episcopato venezuelano, mons. Diego Padrón, ha segnalato come positivo l’iniziativa del presidente Maduro di convocare “un dialogo con i governatori provinciali e i sindaci che non appoggiano il suo progetto politico e che rappresentano gran parte della popolazione”. Tuttavia, il presidente dell’episcopato ha avvertito che per la riuscita di questo dialogo “devono essere rispettati i diritti costituzionali e l’autonomia delle provincie, delle regioni e dei municipi”. Nel documento, i vescovi manifestano ancora una volta la loro preoccupazione per il problema della delinquenza e per l’insicurezza in tutto il Paese. Altri argomenti trattati nel documento sono l’inefficienza dei servizi sanitari per mancanza di strumenti e di materiale essenziale negli ospedali; l’assenza di continuità nel progetto di costruzione di abitazioni; la diminuzione del potere di acquisto, conseguenza dell’inflazione; la continua carenza di prodotti alimentari di prima necessità provocata anche dall’usura, dalla speculazione e dal contrabbando. Il documento critica la politica del governo di voler impiantare un’egemonia comunicativa, “con limitazioni e censure ai mezzi di comunicazione, il che rappresenta una violazione della libertà di espressione e d’informazione garantita dalla Costituzione nazionale”. Infine, il documento episcopale ribadisce la preoccupazione della Chiesa per le politiche in campo educativo. “Il governo nazionale vuole imporre un nuovo curriculum scolastico di educazione media e superiore, ideologizzato e politicizzato”, denunciano i vescovi, che vedono in queste azioni un elemento in più di conflitto per le famiglie che rivendicano il proprio diritto a scegliere l’educazione da impartire ai propri figli. Il presidente dell’episcopato venezuelano, mons. Diego Padrón, ha aggiunto che durante il colloquio con il ministro dell’Interno si è parlato dell’educazione religiosa e delle istituzioni della Chiesa cattolica che collaborano al miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie e a progetti di sviluppo sociale. I rapporti tra il governo e la Chiesa Cattolica negli ultimi anni è stato caratterizzato da alti e bassi; non poche sono state le critiche e gli attacchi contro le autorità ecclesiastiche. Il ministro ha assicurato che ci saranno altri incontri per trattare temi d’interesse sociale e collaborare in progetti orientati al bene comune. (A.T.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá