HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-01-12 13:58:28
A+ A- Stampa articolo



Il card. Sandri visita i profughi siriani in Libano e invoca la pace in Medio Oriente



Una “supplica perché possa finalmente venire la pace e la riconciliazione” in Libano, in Siria e nel mondo intero: così il card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, ha detto ieri mattina nella sua omelia per la Messa presieduta nel Centro dei Padri Redentoristi a Zahle, nella valle della Bekaa. Da venerdì scorso, il porporato si trova in Libano, Paese che accoglie molti profughi provenienti dalla Siria, con l’obiettivo di esprimere la vicinanza e il sostegno della Sede Apostolica alla comunità cristiana provata dal conflitto nella regione. Ai fedeli presenti alla celebrazione, tra cui mons. Caccia, nunzio apostolico a Beirut, il card. Sandri ha portato la benedizione apostolica di Papa Francesco ed ha ricordato che “mettersi in cammino verso Dio significa compiere un passo di riconciliazione all’interno delle nostre famiglie, compiere un gesto di attenzione e accoglienza verso chi è più povero”. “E sappiamo bene – ha concluso il cardinale prefetto – quanti poveri stia ospitando il Libano in questo momento di guerra nella vicina Siria”. Dopo la celebrazione, il card. Sandri si è recato fino al rassemblement di profughi siriani di Mari el Khokh a Marjayoun, gestito dall’Associazione AVSI, dove ha portato un contributo per le opere di assistenza ai rifugiati. In programma anche una tappa nel villaggio di Maghdouché, nei pressi di Saïda, per una visita in forma privata al Santuario mariano di Sayidat Al-Mantara, Nostra Signora dell’Attesa, nome che allude al luogo in cui Maria aspettava Gesù in missione nella città di Sidone. Lì, è previsto un atto di affidamento alla Madre di Dio, recitato dal porporato con l’invocazione della protezione della Regina della pace sul Libano, la Siria e tutto il Medio Oriente. “Vogliamo continuare qui, oggi – si legge nell’atto di affidamento – la preghiera chiesta dal Santo Padre Francesco lo scorso 7 settembre e ripetere l’invocazione risuonata con forza quella sera: finisca il rumore delle armi! Vogliamo impegnarci tutti, dai responsabili delle nazioni fino ai più piccoli, ad essere uomini e donne di pace di riconciliazione”. La visita in Libano del prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali si concluderà, domani, con l’incontro con alcuni docenti e studenti dell’Università gestita dall’Ordine Antoniano Maronita. Il Santuario di Nostra Signora dell’Attesa, lo ricordiamo, custodisce un’antica grotta, profonda dodici metri e larga cinque, in fondo alla quale sono stati ricavati, nella roccia stessa, un altare e un’abside. La cavità naturale accoglie anche un’icona lignea della Madre di Dio, alla quale sono stati attribuiti molti miracoli. Fu poi Elena, madre di Costantino, a dare il via, nel IV secolo, alla costruzione del Santuario. Dopo un lungo periodo di abbandono, si deve al Giubileo del 2000 l’avvio dei lavori di ristrutturazione, ai quali contribuì economicamente anche Giovanni Paolo II. Oggi, il Santuario è circondato da un parco di 4 mila metri quadri, capace di accogliere numerosi pellegrini. (A cura di Isabella Piro)

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá