HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-01-12 14:19:11
A+ A- Stampa articolo



Iraq: 13 morti in un doppio attentato a Baghdad



Nuova escalation di violenze in Iraq. Almeno 13 persone hanno perso la vita in due distinti attentati dinamitardi avvenuti ieri a Baghdad. È salito invece ad oltre 300 morti il bilancio dei combattimenti tra l’esercito e le milizie di Al Qaeda, che proseguono da oltre dieci giorni nella provincia Al Anbar. Il servizio di Marco Guerra:RealAudioMP3

Nel mirino dei terroristi oggi sono finite due affollate stazioni degli autobus di Baghdad, una nel centro della capitale e l’altra alla periferia Nord della città. Simili le dinamiche degli attacchi condotti entrambi con autobomba. Intanto, nella provincia occidentale di Al Anbar proseguono i combattimenti tra l’esercito e le milizie sunnite filogovernative da una parte e i militanti qaedisti dello "Stato islamico del Levante" dall’altra. Secondo un Ong, dopo dieci giorni di scontri, sono rimasti sul terreno 370 morti, 73 dei quali civili, compresi 21 bambini. Migliaia di famiglie stanno tornando verso le loro case nelle città di Falluja e Ramadi, dove le forze di sicurezza locali hanno ripreso il controllo dei punti strategici dei centri abitati, precedentemente occupati dai terroristi. L'esercito nazionale, schierato intorno alle due città, preferisce per il momento evitare un attacco su vasta scala che rischierebbe di provocare ulteriori gravi perdite tra i civili. Forze tribali filo governative sostengono di avere il controllo di gran parte delle zone urbane, ma la situazione resta instabile anche in altre parti della provincia, soprattutto al confine con la Siria. Dal canto suo, il premier al Maliki ha invitato tutti i sunniti a schierarsi con il governo perché, ha detto, “Al Qaeda non risparmia alcun iracheno”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá