Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2014-01-18 16:19:18
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Settimana per l'unità: le altre Chiese sono "dono dello Spirito"




RealAudioMP3 "Le Chiese devono riconoscersi come il luogo attraverso cui l'atto di fiducia, speranza, amore di Dio vero l'umanità e verso il povero mondo deve farsi storia e concretezza. In questo cammino comune le Chiese, oserei dire, sono già unite". P. Giancarlo Bruni, fratello della Comunità di Bose e docente di ecumenismo alla Pontificia facoltà teologica Marianum, riflette sul magistero ecumenico di Papa Francesco, all'apertura della Settimana di preghiera per l'unità. "E' molto interessante la lettura degli altri, delle altre Chiese, data dal Papa nella Evangelii Gaudium", spiega p. Bruni. "Non basta essere informati gli uni degli altri, ma bisogna leggere le altre Chiese, quella riformata e quella ortodossa, come evento dello Spirito, come Chiese orientate dallo Spirito. Ancora, come dono dello Spirito alle altre Chiese. Un dono per il quale bisogna ringraziare il Signore e con il quale bisogna camminare insieme, con lo spirito di agape, per testimoniare la passione di Dio per il mondo. E così si sciolgono più facilmente anche gli eventuali nodi del dialogo ecumenico". A questo proposito al n. 246 della Evangelii Gaudium, Papa Francesco scrive che 'nel dialogo con i fratelli ortodossi, noi cattolici abbiamo la possibilità di imparare qualcosa di più su collegialità episcopale e sinodalità'. "Nell'ambiente latino - spiega mons. Ioannis Spiteris, arcivescovo di Corfù e membro della Commissione mista teologica per il dialogo cattolica-ortodossa - la sinodalità ha avuto difficoltà ad emergere perché nel secondo millennio ha prevalso un modello di Chiesa strutturale, basato sul primato del vescovo di Roma inteso come monarchia di Pietro. Nel contesto cristiano queste espressioni di ordine politico non devono però esistere. Il dialogo con gli ortodossi ha permesso a noi cattolici non di scoprire la sinodalità, che è dentro la struttura della Chiesa, ma di prenderla sul serio e di viverla attraverso istituzioni che ci consentono di armonizzarla con il primato del Papa". "La strada è però ancora lunga. Non è facile ma troveremo un modo, perché sia il Papa che i vescovi lo vogliono. Il primato dovrebbe convivere con un organo sinodale permanente, che attui una sinodalità attiva ed efficace in via ordinaria, anche al di là delle assemblee sinodali occasionali. Il tema degli ultimi incontri della Commissione mista è proprio questo", spiega mons. Spiteris. "E abbiamo preparato un testo che deve essere approvato dalla Commissione nel suo insieme nella riunione che si terrà dal 15 al 23 settembre di quest'anno a Novi Sad, in Serbia. Speriamo di raggiungere un testo che sia accettato anche dalle chiese ortodosse, non sarà facile". (a cura di Fabio Colagrande)