HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2014-01-20 08:38:29
A+ A- Stampa articolo



Algeria: appello di pace di mons. Rault dopo gli scontri tra mozabiti ed arabi a Ghardaïa



“La fraternità è difficile da vivere ... siamo uomini e donne di diverse condizioni, varie culture, origini e religioni, plasmati della stessa umanità, fratelli e sorelle in Adamo ed Eva … ma questa fraternità può essere vissuta nel conflitto e nell’offesa, persino nel tradimento”: è quanto scrive nel Bollettino mensile della diocesi mons. Claude Rault, vescovo di Laghouat-Ghardaïa, in Algeria, commentando gli scontri verificatisi nei giorni scorsi a Ghardaïa tra mozabiti ed arabi. La notizia giunge anche da media locali che fanno un bilancio di oltre 200 feriti in seguito a violenti tafferugli scoppiati tra la minoranza berbera dei mozabiti e la maggioranza araba nella città di Ghardaïa. Le cause sarebbero da ricercare in divergenze sul concetto di comunità e di nazione, ma si parla anche di conflitti inter-confessionali e di giochi nazionalistici e manovre di potere. “E’ più difficile essere amici che essere fratelli o sorelle? – si chiede mons. Rault che aggiunge – se la fraternità universale è un fatto, non possiamo dire che lo sia l’amicizia … Come diventare amico di mio fratello, di mia sorella? Qui è in gioco la nostra testimonianza”. Per il vescovo di Laghouat-Ghardaïa il miglior laboratorio della vita evangelica è la vita comunitaria, ricordando che tutti apparteniamo alla grande famiglia dell’Umanità. (T.C.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá