HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-01-20 19:07:46
A+ A- Stampa articolo



Svolta maggioritaria di Renzi. La minoranza del partito si smarca, Berlusconi apprezza



Premio di maggioranza per chi raggiunge almeno il 35% dei voti, altrimenti doppio turno. E’ il centro della proposta di riforma della legge elettorale presentata dal segretario del Pd, Matteo Renzi, alla direzione del partito. Renzi ha poi respinto le polemiche seguite al suo incontro di sabato con Silvio Berlusconi. Apprezzamento del Cavaliere per le parole del segretario Pd. Alessandro Guarasci:RealAudioMP3

L’Italicum, così la definisce Renzi, mira ad essere una svolta maggioritaria. Il sistema prevede l'assegnazione di un premio di maggioranza che porti al 53% al minimo, ed al 55% al massimo. Premio assegnabile se uno ottiene il 35% dei voti al primo turno. Se così non è si va al doppio turno. Previste soglie di sbarramento. Niente preferenze, ma si’ alle primarie per le liste. Renzi punta ad arrivare ad un via libera della Camera per febbraio, convinto che il partito sarà unito. Ed ancora, la riforma del Senato. Nella seconda meta di febbraio il Pd presenterà un ddl costituzionale per arrivare all'ok in prima lettura a Palazzo Madama entro il 25 maggio. Renzi poi risponde al leader della minoranza Gianni Cuperlo, negativo sulla proposta, e assicura: non va contro la costituzione. Prima della direzione, Renzi si era confrontato con il segretario di Ncd Angelino Alfano, che dice sì all’impianto ma chiede che i parlamentari non siano nominati. Berlusconi apprezza e parla di un’intesa per il Paese. Sulla svolta maggioritaria di Renzi, l’opinione del direttore di Aggiornamenti Sociali, padre Giacomo Costa

R. - Perlomeno è sicuramente una chiave per tornare a fare politica. E’ uno dei criteri, un punto di riferimento che si è dato: ovvero superare una situazione a larghe intese, tornare politicamente a una situazione più vivace che rispetti l'agone politico e i confronti per lo meno tra i grossi partiti

D. - Renzi ha difeso la sua scelta di incontrare Berlusconi. Che cosa ne pensa?

R. - Questo è uno degli altri obiettivi di questa manovra, ovvero: uscire da un'impasse in cui non si decide niente. Sicuramente non è una mossa che avremmo immaginato. però è una mossa che cerca di interpretare la situazione e prendere una posizione.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá