HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2014-01-21 08:57:20
A+ A- Stampa articolo



Terra Santa: a Jaffa una Messa per i migranti



Sono circa 53 mila i richiedenti asilo in Israele, provenienti soprattutto da Eritrea e Sudan; tra questi 40 mila sono cristiani. La comunità più grande è quella filippina (circa 35 mila persone), più numerosa dei cattolici latini arabi di Israele (circa 28 mila, secondo i dati del Patriarcato latino latino di Gerusalemme). E in tanti si sono ritrovati sabato scorso a Jaffa, nella parrocchia di Sant’Antonio, per celebrare la Giornata Internazionale del Migrante e del Rifugiato e prendere parte ad una Messa presieduta da padre David Neuhaus, vicario per i cattolici di espressione ebraica del Patriarcato Latino di Gerusalemme e responsabile diocesano della pastorale dei migranti, e da padre Zaher Abboud. La liturgia eucaristica è stata organizzata dal Coordinamento per il Patriarcato Latino della Pastorale dei Migranti. La preghiera universale, si legge sul portale www.lpj.org, è stata letta in otto lingue diverse e le letture sono state scelte per ricordare quanto nella Sacra Scrittura richiama alla realtà dei migranti. Padre Neuhaus, nella sua omelia ha evidenziato le difficoltà che oggi vivono quanti hanno lasciato tutto, spesso rischiando la vita, affrontando condizioni precarie e spesso difficili ed ha poi ricordato i tre fondamenti della Giornata Internazionale del Migrante e del Rifugiato: celebrare la gioia di essere diversi; pregare per sostenere le persone che soffrono per vedervi il volto di Cristo; confermare la fede in un mondo migliore. Riprendendo più volte il messaggio del Papa per la Giornata Mondiale dei Migranti e dei Rifugiati, padre Neuhaus ha anche ripetuto che “è necessario cambiare atteggiamento verso i migranti e i rifugiati da parte di tutti; passare da un atteggiamento di difesa o di emarginazione – che corrisponde a una ‘cultura di rifiuto’ –” alla “cultura dell’incontro”, la sola cosa capace di costruire un mondo più giusto e fraterno. Al termine della Messa, 4 comunità hanno presentato le loro tradizioni culturali attraverso canti e balli. Erano presenti filippini, indiani, eritrei ed etiopi, cingalesi, rumeni, nigeriani, latino-americani, polacchi, russi, ganesi, libanesi, arabi ed ebrei, israeliani e palestinesi. “Siamo venuti a celebrare, siamo venuti a pregare, a proclamare la nostra fede - ha detto padre Neuhaus -.Vogliamo essere testimoni che questa celebrazione è una grande gioia. Nel nostro mondo, fuori della Chiesa, la reazione all’arrivo di migranti non è sempre festa. Spesso l’arrivo provoca piuttosto reazioni di diffidenza e di ostilità”. Il responsabile diocesano della pastorale dei migranti ha voluto fare riferimento alla preoccupazione quotidiana di quanti devono recuperare documenti, cercare lavoro e mantenere le loro famiglie, ma che la Chiesa non dimentica. A Tel Aviv, ad esempio, la comunità filippina dispone di una cappella da 350 posti. Il sabato, giorno di riposo settimanale per un gran numero di migranti, vengono celebrate almeno quattro messe con riti diversi. La cappella è allestita in una sala in affitto. Al pagamento contribuiscono ogni mese anche i migranti per continuare a celebrare, pregare e proclamare la loro fede nella gioia di essere una sola famiglia. (T.C.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá