Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2014-01-27 15:35:22
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



La Shoah a Roma, un orrore non solo nazista




RealAudioMP3 "Sono vicende che ci aiutano a sfatare il mito degli italiani 'brava gente'. Sono infatti i fascisti ad arrestare centinaia di ebrei dopo la razzia nazista del 16 ottobre. Ed è la gente comune che si vuole impadronire dei beni dei concittadini ebrei per campare a spese loro". La storica Anna Foa, docente all'Università Sapienza di Roma, ha ricostruito i fatti del rastrellamento e della persecuzione degli ebrei nella capitale, durante i nove mesi dell'occupazione nazista, nel libro 'Portico d'Ottavia 13', dedicato alla storia di un edificio del Ghetto romano e dei suoi abitanti. Pagine che, nel Giorno della Memoria, aiutano a riscoprire l'orrore di quei giorni oltre i luoghi comuni. "Altri mille ebrei della Comunità di Roma furono arrestati dopo la drammatica razzia del 16 ottobre '43 e gli arresti successivi furono quasi tutti opera di fascisti italiani, bande di criminali e gente di malaffare che aveva deciso di lucrare su questa vicenda e si faceva pagare per ogni ebreo catturato, dando vita a una vera e propria 'caccia all'uomo'. Ad aiutarli furono le leggi approvate dal regime di Salò a Verona che chiedevano di arrestare tutti gli ebrei, italiani e stranieri, considerati nemici". "E' vero che molti abitanti di questo palazzo del Ghetto, come di altri, - racconta ancora Anna Foa - nelle ore della razzia nazista trovarono rifugio nella parrocchia romana di S. Benedetto al Gazometro, dove il parroco don Gregorini generosamente aprì le porte della chiesa agli ebrei. Ma ci furono anche delazioni di ogni tipo e persone che cercarono di appropriarsi dei negozi degli ebrei e di saccheggiare le loro poche cose". "C'è anche da notare - conclude la storica - che grazie all'opera di ricovero e accoglienza degli ebrei compiuta da molte strutture ecclesiastiche, si creò una convivenza forzata che si trasformò in familiarità, in amicizia nuova fra ebrei e cattolici, forse uno dei germi del dialogo avviato più tardi dal Concilio". (a cura di Fabio Colagrande)