Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2014-01-29 15:32:00
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Siria. Il ricordo dei rapiti




RealAudioMP3 "C'è molta stanchezza di fronte alle parole attorno alla Siria. La sofferenza che c'è nella gente affina il cuore e l'intelligenza. Mi sembra che la gente a questo punto abbia un sentimento chiaro su dove si cerca un bene e su dove non lo si cerca". La testimonianza ai nostri microfoni di una religiosa che vive da tempo in Siria: "Tutti gli sforzi che si stanno facendo per arrivare ad un negoziato, visti da qui, ci sembra che non sempre siano mossi dall'autentica ricerca di bene. Anche Ginevra 2 non suscita grandi aspettative. Non voglio dare con questo una visione negativa ma esprimere il fatto che la gente fa fatica a sperare e questa è una grande tristezza. Nello stesso tempo c'è chi lavora per un bene, dimostrando, i siriani stessi, una solidarietà, una capacità di vita e di forza. A livello internazionale bisognerebbe porsi le domande giuste sulle ragioni e le soluzioni giuste, e sono pochi che lo fanno". A sei mesi dal rapimento del gesuita P. Paolo Dall'Oglio, il ricordo di tutti i sequestrati in Siria. "Ventidue milioni sono gli ostaggi a vario titolo nel Paese", ricorda l'inviato de La Stampa Domenico Quirico, rilasciato dopo 152 giorni di prigionia, che aggiunge che "il pericolo è la somalizzazione della Siria. Ginevra 2 è un'astrazione. I rivoluzionari siriani non lo sono più di fatto. Nessuno è chi dice di essere. Io almeno ho una vita di riserva in cui mi sono rimesso, ma molti là non ce l'hanno". (a cura di Antonella Palermo, Roberta Gisotti e Massimiliano Menichetti)