HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-01-29 20:09:38
A+ A- Stampa articolo



Violenza senza tregua in Siria. Ancora stallo sui negoziati a Ginevra



Non si ferma il massacro in Siria. Sono state decine ieri le vittime provocate da un raid governativo su Aleppo. Intanto a Ginevra sono ancora in corso ma senza nulla di fatto, i negoziati tra il governo di Damasco e l'opposizione siriana per una soluzione alla crisi del paese costata la vita dal 2011 a 130mila persone. Il servizio di Paola Simonetti:RealAudioMP3

Barili esplosivi sganciati dagli elicotteri delle forze governative hanno seminato morte nei quartieri di Aleppo controllati dai ribelli: almeno 13 le vittime fra cui donne e bambini, un bilancio che resta purtroppo provvisorio. In Siria dunque non c'è barlume di tregua negli scontri, che si consumano anche nel centro di Homs, nella regione meridionale di Daraa e in quella vicina alle Alture del Golan. Sullo sfondo il tentativo di risolvere la crisi siriana: a Ginevra sul tavolo dei colloqui fra la delegazione del governo di Damasco e l'opposizione siriana, le cruciali questioni legate alla transizione nel paese, con l'abbandono del potere da parte di Assad, fortemente caldeggiato dall'opposizione e la necessità di consegna urgente di aiuti umanitari ad una popolazione allo stremo. Ma se l'opposizione siriana dice di intravedere per la prima volta un timido ''passo avanti'' nei negoziati, le concrete soluzioni sembrano restare in stallo per volontà del governo siriano, accusato dall'opposizione di sorvolare proprio sul capitolo di un governo di transizione, l'unico secondo l'opposizione che potrebbe fermare la tirranìa e dunque la violenza.


Drammatica anche la situazione umanitaria: 20 mila persone, secondo fonti locali, rischiano di morire di fame nel campo profughi palestinese di Yarmuk, a sud di Damasco, mentre restano in attesa di entrare a Homs i convogli dell’Onu carichi di aiuti umanitari per la popolazione assediata. Giunge in questo scenario la notizia che la Gran Bretagna accoglierà in via temporanea "centinaia" di rifugiati dalla Siria. Il Regno Unito collaborerà con le Nazioni Unite in questa iniziativa ma non prenderà parte, come già detto in passato, al piano dell'Alto commissariato Onu per i rifugiati che ha visto già alcuni Paesi europei dare la loro disponibilità. Sulla situazione di Homs, Roberta Gisotti ha intervistato il gesuita padre Ghassan Sahoui, direttore di un Centro educativo nella località siriana che vede migliaia di cittadini intrappolate nella parte vecchia della città, assediata da un anno e mezzo dalle forze lealiste:RealAudioMP3

R. – Accanto a noi, a meno di un chilometro, c’è la gente, i nostri amici, sono lì e vivono un tempo difficile, molto difficile, direi, perché non hanno più da mangiare, non hanno quasi niente, ed ora fa freddo e non ci sono medici né medicine: non hanno nulla! Noi viviamo accanto a loro però non possiamo fare niente, solo pregare e sperare che finalmente tutti i responsabili rispondano per aiutare la gente che vive lì.

D. – Abbiamo saputo che domenica scorsa c’era stato un accordo per liberare almeno le donne e i bambini: un accordo che era stato annunciato a Ginevra dal mediatore internazionale dell’Onu e della Lega Araba, Lakdar Brahimi. Voi sapete niente, perché questo accordo sia saltato?

R. – Sì, abbiamo sentito che c’era qualcosa, però finora non c’è niente sul terreno. Sembra ci siano negoziati per liberare tutti i civili all’interno, ma anche che questi negoziati siano difficili e spinosi, perché ogni parte cerca il suo proprio interesse.

D. – Quanti sono i civili assediati?

R. – Tremila, quattromila persone circa.

D. – Lei è direttore di un Centro educativo ad Homs. Come prosegue la vita di tutti i giorni?

R. – Noi viviamo, ma sentiamo sempre il fragore del mortaio o di altre armi e avvertiamo sempre che siamo in guerra. Noi proviamo a vivere “come al solito”, e così la vita va avanti… Proviamo ad accogliere la gente, ad aiutarla. Anche i bambini che vengono alla scuola, al centro: proviamo a dar loro qualche piccola cosa per compensare la durezza, la crudeltà della guerra.

D. – Tutte le speranze sono quindi riposte in questo momento su Ginevra, perché le parti in conflitto trovino finalmente un modo per liberare la popolazione siriana da questo incubo…

R. – Infatti. Sì, dobbiamo sperare, però è difficile. Trovare una soluzione che possa accontentare tutte le parti, non è cosa semplice. Speriamo che mettano al primo posto l’interesse del popolo siriano, di tutta questa povera gente che soffre ogni giorno, che non ha da mangiare. Non solo a Homs: ci sono altre città, altre zone, ci sono quasi tre milioni di persone che non ricevono niente dell’aiuto umanitario… I negoziati politici si dice che forse dureranno un anno: ma per l’aiuto umanitario, non si può attendere tutto questo tempo. Speriamo che in questi giorni ci sia una soluzione e che la gente possa tornare a vivere in modo, diciamo, “umano”.

Ultimo aggiornamento: 30 gennaio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá