HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-02-06 19:59:28
A+ A- Stampa articolo



Direzione Pd, Renzi a Letta: giochiamo a carte scoperte. Il premier, non si può galleggiare



Duello Renzi-Letta alla direzione del Pd. Il segretario del partito chiede di giocare a carte scoperte al premier che risponde sollecitando un lavoro di squadra per arrivare alle riforme. Francesca Sabatinelli: RealAudioMP3

La sorte del governo ha fatto da sfondo alla direzione aperta oggi dal segretario Matteo Renzi, e quindi il futuro, o meno, da premier di Enrico Letta. Renzi garantisce la fedeltà all’esecutivo: se ci sono stati problemi – dice - non li ha mai posti il Pd, che non ha mai fatto mancare il suo appoggio in nessun passaggio rilevante. E avverte: se Letta ritiene ci siano modifiche da apporre, affronti il problema nelle sedi istituzionali e si giochi a carte scoperte. Sull’ipotesi rimpasto, poi, ripete quanto già detto: il Pd non lo chiede, inoltre la decisione spetta a Letta. Sulle riforme aggiunge, si proceda subito perché il tempo è scaduto, e sulle alleanze prevede moderati e sinistra accanto al Pd, mentre sull’ipotesi di vittoria al voto del possibile asse Berlusconi-Casini-Bossi, la responsabilità non sarebbe dell’Italicum ma del Pd stesso. A prendere la parola è poi Letta: non è possibile uscire dai problemi galleggiando, dice, e non voglio farlo. Anche per il premier è necessario affrettare l’agenda con le riforme, e sollecita il gioco di squadra. Il Pd, continua, può portare nel 2014 l’Italia fuori dalla crisi sociale e completare le riforme, è dunque un anno da non sprecare.





Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá