HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-02-07 09:30:59
A+ A- Stampa articolo



Il commento di don Ezechiele Pasotti al Vangelo della Domenica



Nella quinta Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci presenta il Vangelo in cui Gesù dice ai suoi discepoli:

«Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente. Voi siete la luce del mondo».

Su questo brano evangelico ascoltiamo il commento di don Ezechiele Pasotti, prefetto agli studi nel Collegio Diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Roma:RealAudioMP3

Cristo è il sale che, offrendosi liberamente alla sua passione per amore, ha dato sapore a tutte le cose create. Seguire il Signore costituisce i cristiani, ogni comunità cristiana, come “sale della terra”. L’immagine non è semplice: infatti, nell’antichità si cospargeva di sale quel suolo che non doveva più produrre nulla, che si voleva sterile per sempre. In alcuni passi paralleli dell’Antico e del Nuovo Testamento, comprendiamo che questo sale fa soprattutto riferimento al sacrificio. Dice il Libro del Levitico: “Dovrai salare ogni tua offerta di oblazione: nella tua oblazione non lascerai mancare il sale dell'alleanza del tuo Dio; sopra ogni tua offerta porrai del sale (Lev 2,13). Essere “il sale della terra” significa allora essere quel “sacrificio vivente, santo e gradito a Dio”, “quel culto spirituale” di cui parla l’Apostolo Paolo; in modo da non conformarci al mondo, per lasciarci trasformare, rinnovando il nostro modo di pensare e poter così discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto (cf Rm 12,1). Ecco la nostra missione nel mondo. Solo così, uniti al sacrificio di Cristo sulla croce, non perderemo il sapore che dobbiamo dare al mondo. Quale sapore? La vita divina, lo Spirito Santo. “Voi siete la luce del mondo”, perché in Cristo, mediante il Battesimo, siamo stati costituiti “figli della luce” (Ef 5,8), per quelle “opere buone che Dio ha preparato perché in esse camminassimo” (Ef 2,10) e perché gli uomini, vedendole, “rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli”. Ciò che dà gloria al Padre, dice Gesù, è proprio questo portare frutto e diventare discepoli del Signore (cf Gv 15,8).




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá