HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2014-02-15 14:42:33
A+ A- Stampa articolo



Il card. Bagnasco: lavoro sia priorità di ogni governo, contro la famiglia strategia persecutoria



“La gente è in grande sofferenza”: così il card. Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, a margine dell’inaugurazione dell'anno giudiziario del tribunale ecclesiastico di Genova. Interpellato sull’attuale crisi politica, il porporato ha sottolineato che al di là di chi guiderà l’esecutivo, deve porre come priorità il lavoro. “C'è bisogno che il governo provveda rapidamente al lavoro – ha proseguito il cardinale Bagnasco - non vedo ancora le ricadute positive sul piano dell'occupazione”. “Penso all’Italia – ha aggiunto - cioè alla gente che ha bisogno di lavorare, che sta molto male, le famiglie, le persone singole, giovani che non trovano sbocchi, le persone più anziane che perdono il lavoro e che sono sole. Questa è la situazione. Ogni governo deve avere questo come priorità, una priorità urgentissima perché non si può aspettare di più”. Posizione netta anche sulla famiglia: il presidente della Cei ha parlato di “una strategia persecutoria in atto”. “Una strategia di attacco per destrutturare la persona per destrutturare la società, per metterla in balia di chi è più forte – ha continuato - e ha tutto l'interesse che la gente sia sola e smarrita perché nel torbido si opera meglio”. Inoltre il cardinale Bagnasco ha ribadito che nella Chiesa, la separazione è l’estrema ratio. “Il punto è che la coppia separata continui a vivere la fedeltà al sacramento ricevuto senza aprire una nuova forma di convivenza". “Sì alla vita”: ha poi evidenziato il presidente dei vescovi ribadendo la posizione della Chiesa contro l’eutanasia - “un delitto contro la vita”- e contro l’accanimento terapeutico.(B.C.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá