HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-02-16 11:36:07
A+ A- Stampa articolo



La soddisfazione dell'arciv. di Seul per la prossima beatificazione dei martiri sudcoreani



“I martiri coreani sono grandi modelli di santità che hanno attraversato le barriere di status sociale e amato il prossimo senza discriminazione di genere, classe sociale, religione. Sono pieno di gioia e ringrazio la Santa Sede per tale decisione”. Queste le parole – riportate dall'agenzia Sir - dell’arcivescovo di Seul, mons. Andrew Yeom Soo-jung, dopo che Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione per le Cause dei Santi a promulgare i decreti riguardanti i prossimi nuovi Beati, i martiri sudcoreani Paolo Yun Ji-chung e 123 compagni, uccisi in Corea in odium fidei nel 1791. “La beatificazione dei martiri coreani è una bellissima notizia per la Chiesa coreana”, ha proseguito, e “vorrei condividere questa felicità con tutti coloro che si sono adoperati nel processo di beatificazione e tutti i fedeli che pregano ardentemente per la canonizzazione”. Paolo Yun Ji-chung e i suoi compagni, ha ricordato il presule, “erano promotori dei diritti umani e hanno giocato un ruolo importante nella storia dell’intera nazione coreana”. La Chiesa di Corea venera già 103 martiri, vittime della persecuzione di Shinyu, avvenuta nel 1801. L’inizio dell’evangelizzazione in Corea risale al 1784, quando un coreano - Lee Seung Hun, laico e uomo colto - fu battezzato a Pechino con il nome di Pietro. Tornato in patria, diede inizio alla prima comunità cristiana. (D.M.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá