HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2014-03-05 13:00:04
A+ A- Stampa articolo



Messaggio del Papa per la Campagna di fraternità: non restare indifferenti dinanzi alla tratta di esseri umani



“Non è possibile rimanere indifferenti” davanti alla tratta di esseri umani. È il richiamo del Papa nel messaggio per la tradizionale ‘Campagna di fraternità’, che la Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile (Cnbb) ha aperto ufficialmente ieri a Brasilia, con una cerimonia nel mercoledì delle Ceneri presieduta dal vescovo ausiliare della città e segretario generale della Cnbb, mons. Leonardo Ulrich Steiner. L’edizione 2014 della Campagna affronta il tema ‘Fraternità e tratta di esseri umani’, con lo slogan “Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi”. Il servizio di Giada Aquilino:RealAudioMP3

“La dignità umana è uguale per tutti gli esseri umani”. È un Papa che chiede “il permesso” ai brasiliani di accompagnarli nel cammino quaresimale quello che scrive il messaggio per la ‘Campagna di fraternità 2014’ e che sottolinea come, quando si calpesti la dignità “dell’altro”, lo si faccia anche con la propria: “è la libertà - ricorda - per la quale Cristo ci ha liberati”. D’altra parte, “se io offendo la dignità umana altrui - medita il Pontefice - è perché prima ho svenduto la mia”, per potere, fama, beni materiali, “in cambio - spiega - della mia dignità di figlio e figlia di Dio, salvata a prezzo del sangue di Cristo sulla Croce e garantita dallo Spirito Santo”.

“Non è possibile rimanere indifferenti - aggiunge il Pontefice - quando si viene a sapere che esistono degli esseri umani comprati e venduti come merci”: il riferimento è dunque alla “tratta di esseri umani”, tema più volte affrontato da Papa Francesco, facendo cenno “alle adozioni di bambini destinati all’espianto di organi”, “alle donne ingannate e obbligate a prostituirsi”, “ai lavoratori sfruttati, senza diritti, né voce”. Ma lo sguardo ricade anche sulle famiglie, all’interno delle case; quante volte - riflette il Santo Padre - “anche lì regna la prepotenza”: “genitori che schiavizzano i figli, figli che schiavizzano i genitori”; “sposi che, dimentichi della loro chiamata per questo dono, si sfruttano come se fossero dei prodotti da consumare, dei prodotti usa e getta”; o anche “anziani senza un posto nella società e bambini e adolescenti senza voce”. Si tratta, nota il Papa, di “attacchi ai valori basilari del tessuto familiare e della stessa convivenza sociale”.

C’è allora bisogno, prosegue, di “un profondo esame di coscienza”, perché - e qui il Pontefice richiama il discorso ai nuovi ambasciatori, del dicembre 2013 - “la persona umana non si dovrebbe mai vendere e comprare come una merce”. Come si può annunciare, quindi, la gioia della Pasqua - si domanda Papa Francesco - “senza essere solidali verso coloro che in questa terra vedono negata la propria libertà”? Richiamando alla mente il proprio viaggio in Brasile, in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù dell’anno scorso, memore del “grande cuore” dei “cari brasiliani” e della “calorosa accoglienza” ricevuta, il Santo Padre ricorda come “con la sua Passione, Morte e Risurrezione, Gesù Cristo” abbia liberato l’umanità dalla morte e dal peccato. Durante i prossimi quaranta giorni - è l’invito del Pontefice - “cercheremo di essere più coscienti della misericordia infinita che Dio ci ha donato e che ci ha chiesto di donare agli altri, soprattutto ai più bisognosi”.

Già a luglio il Papa aveva constatato la “lezione di solidarietà” offerta dal popolo brasiliano; ora auspica “che i cristiani e le persone di buona volontà possano impegnarsi perché mai più un uomo o una donna, giovani o bambini, siano vittime della tratta degli esseri umani”. E la base più efficace “per ristabilire la dignità umana”, conclude, è annunciare il Vangelo di Cristo “nella campagna e nelle città, perché Gesù vuole spargere la vita in abbondanza ovunque”. La speranza è che “la vita nuova in Cristo” susciti “in ogni cuore sentimenti di tenerezza e compassione per i nostri fratelli e sorelle bisognosi di essere liberati”.

Ultimo aggiornamento: 6 marzo




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá