HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2014-03-05 12:53:56
A+ A- Stampa articolo



Pakistan: digiuno e preghiera dei cristiani per le minoranze perseguitate e la pace



Con la preghiera e il digiuno, i cristiani pakistani hanno celebrato ieri il mercoledì delle Ceneri, primo giorno di Quaresima. In tutte le chiese del Paese si sono tenute Messe e funzioni religiose, con un pensiero particolare rivolto alla pace in una nazione ancora oggi teatro di attentati contro la popolazione civile, persecuzioni verso le minoranze e violenze fra esercito governativo e talebani. Le diocesi di Lahore e Rawalpindi - riferisce l'agenzia AsiaNews - hanno inviato un messaggio speciale di pace e armonia ai fedeli e a tutta la comunità, sottolineando con particolare forza il significato vero e tradizionale della ricorrenza: il digiuno, la privazione, l'abbandono dei desideri materiali, le sofferenze di Gesù nei 40 giorni trascorsi nel deserto, in mezzo alle tentazioni del demonio. Le parrocchie rinnovano il rito delle ceneri e chiedono alla comunità di "esaltare il bene" e non soffermarsi sui problemi e le difficoltà quotidiane.

In questa giornata tutte le chiese hanno aperto le porte ai fedeli; molte le funzioni, in concomitanza con il primo giorno di digiuno e preghiera in preparazione alla Pasqua. Da Sialkot, diocesi del Punjab, padre Waris Sohatra ricorda che "in molte parti del Pakistan i cristiani sono perseguitati a causa della loro fede". In particolare, la parte centrale della provincia del Punjab è stata teatro di molti fatti di sangue che hanno visto protagonista, suo malgrado, la minoranza religiosa. "Durante la Quaresima - aggiunte il sacerdote - preghiamo per i cristiani perseguitati e per la situazione attuale del Paese. Iniziamo il tempo quaresimale sottomettendoci alla volontà del Signore, osservando i riti del mercoledì delle Ceneri". "La Quaresima è un tempo di sacrificio e di distacco dalle tentazioni e dai fatti del mondo" ricorda infine padre Jamshed Gill, sacerdote e attivista a Hyderabad, la seconda città più popolosa della provincia del Sindh.

Con più di 180 milioni di abitanti (di cui il 97% professa l'islam), il Pakistan è la sesta nazione più popolosa al mondo ed è il secondo fra i Paesi musulmani dopo l'Indonesia. Circa l'80% è musulmano sunnita, mentre gli sciiti sono il 20% del totale. Vi sono inoltre presenze di indù (1,85%), cristiani (1,6%) e sikh (0,04%). Le violenze contro le minoranze etniche o religiose si verificano in tutto il territorio nazionale, ma negli ultimi anni si è registrata una vera e propria escalation e che ha investito soprattutto i musulmani sciiti e i cristiani. Decine gli episodi di violenze, fra attacchi mirati contro intere comunità - come avvenuto a Gojra nel 2009 o alla Joseph Colony di Lahore del marzo scorso - o abusi contro singoli individui (Asia Bibi, Rimsha Masih o il giovane Robert Fanish Masih, anch'egli morto in cella), spesso perpetrati col pretesto delle leggi sulla blasfemia. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá