HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2014-03-14 15:42:42
A+ A- Stampa articolo



Adly Mansour: l'Egitto avrà un nuovo capo di Stato entro l'estate



L'Egitto avrà un nuovo presidente “eletto” entro due mesi e mezzo. Così si è espresso il presidente ad interim, Adly Mansour, mentre il Paese è stretto dalla morsa delle contestazioni per la destituzione dell’esponente dei Fratelli musulmani, l’ex capo di Stato, Muhammad Morsi. Anche ieri si sono registrate proteste al Cairo e Alessandria. Nonostante il rinvio delle presidenziali, previste per aprile, Mansour si dice “ottimista sul futuro” dell’Egitto. Intanto, l'esercito ha accusato la Fratellanza di essere responsabile dell'attentato, di giovedì, contro un bus di militari al Cairo costato la vita a un ufficiale. Nel nord del Sinai, sette miliziani sono stati uccisi in seguito a un raid condotto dall'esercito. Sul fronte politico, l'ex capo di Stato maggiore egiziano, Sami Anan, ha annunciato che non si candiderà alle prossime consultazioni. Restano due i candidati in corsa: il "nasserista" Hamdeen Sabahi e il favorito ministro della Difesa e capo di Stato maggiore, Abdel-Fattah al-Sisi, il quale però ancora non ha formalizzato la propria candidatura. Massimiliano Menichetti ha intervistato il prof. Claudio Lo Jacono, presidente dell’Istituto per l’Oriente:RealAudioMP3

R. – Siamo alla ricerca di un maggiore equilibrio nel Paese, dove accanto ai militari ci sono i Fratelli musulmani, ci sono i salafiti, ci sono i cosiddetti laici… Siamo in un periodo di instabilità. Il fatto stesso che si rimandi a data delle elezioni di alcuni mesi dà l’idea di come l’Egitto abbia grosse difficoltà: di ordine pubblico e di contrapposizione, anche violenta.

D. – Il capo di Stato maggiore, al-Sisi, per ora non ha formalizzato la sua candidatura, eppure tutti lo danno come favorito alle presidenziali…

R. – Non c’è dubbio che al-Sisi voglia presentarsi. D’altra parte, lo ha detto: “Mi chiama il popolo”, il che sta a significare la sua volontà di costituire l’ennesimo presidente militare dell’Egitto dall’epoca di Neguib e poi di Nasser. Però, è vero che ancora non ha compiuto i passi necessari per poter rendere valida la sua candidatura: probabilmente, anche lui si rende conto che la situazione è fluida. Lo stesso consenso che era molto forte nei confronti del Consiglio supremo delle Forze armate è vagamente annacquato, ora. Mi sembra che si voglia anche prendere tempo per cercare di portare la situazione in una condizione di maggiore stabilità.

D. – Come nel Sinai, che di fatto non riesce ad essere stabilizzato…

R. – Il Sinai, poi, d’altra parte è difficilissimo poterlo controllare: lo stesso territorio che caratterizza questa penisola rende impossibile presidiarla. Ci sono, tra l’altro, anche le componenti tribali che costituiscono sempre un po’ una spina nel fianco del potere centrale. Sicuramente, le tribù dei beduini del Sinai hanno un orecchio simpatizzante nei confronti dei fautori del disordine.

D. – Le presidenziali, dunque, non porteranno automaticamente la stabilità nel Paese?

R. – Naturalmente, la situazione – con le nuove elezioni e con al-Sisi probabilmente nuovo presidente della Repubblica – non cambierà assolutamente. Io mi aspetto più qualche cosa di nuovo dalle elezioni legislative, qualora si potessero tenere in un’atmosfera di relativa libertà di espressione del voto. Ma questo vuol dire che debbono poter partecipare i Fratelli musulmani…

D. - …che ora sono fuorilegge?

R. – Che ora sono fuorilegge. Per cui, se non faranno parte del quadro politico, non ci sarà nessuna soluzione.

D. – Cioè, rimarrà una situazione instabile?

R. – I militari dovranno rassegnarsi a trattare con la Fratellanza musulmana cedendo in qualche cosa, facendo però accettare anche l’idea che uno Stato che voglia essere democratico, per quanto islamico, debba mantenere un atteggiamento di correttezza nei confronti della separazione dei poteri e che ogni potere sia controllato da un altro.

D. – Si riferisce all’ex presidente Morsi, esponente dei Fratelli musulmani, prima legittimamente eletto e poi destituito?

R. – L’arma forte che ha la Fratellanza musulmana è quella di dire che c’è stato un colpo di Stato che ha deposto un presidente legittimamente eletto. Dimenticano magari di dire che questo presidente ha poi compiuto tutta una serie di atti di eversione della Costituzione, come per esempio avocare a sé qualsiasi potere, anche nei confronti della magistratura che avrebbe dovuto controllare in qualche modo il suo operato, come in tutti i Paesi del mondo: questo viene dimenticato. Tutta una seria di atti di assoluta eversione, della presidenza Morsi, sono finiti ampiamente nel dimenticatoio, e si ricorda soltanto l’atto di eversione delle forze armate che hanno deposto un presidente eletto. E questa situazione, purtroppo, è la spina nel fianco che non si risolverà tanto facilmente: la pacificazione degli animi non può arrivare con la mano dei militari soltanto.

Ultimo aggiornamento: 15 marzo




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá